Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi dei media generalisti e i nuovi sentieri della pubblicità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La crisi dei media generalisti e i nuovi sentieri della pubblicità 12 Ad A. Toffler e a P. Levy dobbiamo molti studi e teorie interessanti sull’argomento. Toffler 3 ha riconosciuto il merito delle tecnologie a base informatica per aver permesso all’uomo di riformulare i propri bisogni e riconquistare il protagonismo, ha considerato il passaggio dalla società industriale a quella post-industriale come una conseguenza della destrutturazione dei fenomeni di uniformità e di massificazione, ed ha ideato uno schema sintetico costituito da sei processi per rappresentare la decadenza della società industriale nell’ambito tecnologico, economico, sociale e psico-culturale. Questi sei fenomeni sono: standardizzazione, specializzazione (segmentazione del processo produttivo associata alla parcellizzazione delle funzioni), sincronizzazione, concentrazione (in poche mani enormi ricchezze e nelle metropoli grandi masse), massimizzazione, centralizzazione (nelle sfere decisionali). Pierre Levy 4 descrive il passaggio dai media molari a quelli molecolari, affermando che nel primo sistema citato vige la logica dello scambio uno/molti tale che la comunicazione sia rivolta a grandi agglomerati collettivi, i centri d’informazione e di decisione sono pochi, il centro d’interesse è la massa. Nella seconda partizione si ha, invece, un modello comunicativo da tutti verso tutti in tempo reale secondo relazione interattiva, le scelte non sono unidirezionali, il centro è il singolo individuo, di forte penetrazione è l’idea di rete. La società post-industriale è un tipo di organizzazione caratterizzata dal sopravvento del settore terziario sugli altri settori dell’economia. Ecco perchè Bell ne individua il 1956 come anno di nascita: per la prima volta, i colletti bianchi (impiegati) superarono numericamente i colletti 3 S. Cristante, Potere e comunicazione, già cit., pp.175-176 4 S. Brancato, Introduzione alla Sociologia del cinema, Luca Sossella editore, p. 204

Anteprima della Tesi di Claudia Pellicori

Anteprima della tesi: La crisi dei media generalisti e i nuovi sentieri della pubblicità, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Claudia Pellicori Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4663 click dal 12/04/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.