Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La censura nel sistema cinematografico e televisivo. Aspetti legislativi, sociali e giuridici.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 E allora non è stato forse conveniente usare la censura prima che come mezzo di critica cinematografica, come strumento di repressione e negazione di valori e tematiche scomode? Gianbattista Vico parlava di “Corsi e ricorsi storici” per definire il ciclo continuo della storia, dove gli avvenimenti spesso si ripetono anche se in luoghi e tempi diversi. E volendo ricordare un momento di massima repressione delle idee, mi viene in mente il famigerato “Maccartismo” degli anni ’50, sorto e sviluppato negli Stati Uniti. In questo periodo, in cui si diede inizio ad una vera e propria “caccia alle streghe”, dove le streghe erano i comunisti, si registrarono censure e repressioni anche nel mondo dello spettacolo. Il filone hollywoodiano delle inchieste ebbe il suo periodo di “gloria” nel 1947 e poi tra il 1951 e il 1952. In quegli anni il cinema americano fu investito da un'ondata di paranoia inquisitoria che stroncò il filone di realismo sociale da poco inaugurato e che portò all'imprigionamento di alcuni personaggi del mondo della

Anteprima della Tesi di Valeria De Rentiis

Anteprima della tesi: La censura nel sistema cinematografico e televisivo. Aspetti legislativi, sociali e giuridici., Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Valeria De Rentiis Contatta »

Composta da 443 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6774 click dal 13/04/2005.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.