Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il credito al consumo: La fattispecie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Ciò anche a causa della scelta, operata da entrambi i legislatori, di considerare credito al consumo, qualora siano rispettati i requisiti soggettivi relativi ai soggetti destinatari e erogatori, non solo il caso di concessione di credito sotto forma di dilazione di pagamento o di finanziamento, ma anche di qualsiasi altra facilitazione finanziaria. Proprio il riferimento ad “altra analoga facilitazione finanziaria” estende in modo indeterminato l’ambito d’applicazione della disciplina in esame. 7 Sono quindi considerati contratti di credito al consumo, tutti i contratti mediante i quali il consumatore, cioè la persona fisica che agisce per scopi estranei alla sua attività professionale, riceve un credito da un creditore persona fisica o giuridica, che concede il detto credito nell’esercizio di un’attività commerciale o professionale. 7 Così G. DE NOVA, Il credito al consumo, La nuova legge bancaria. Il T.U. della legge in materia bancaria e creditizia e le disposizioni di attuazione. Commentario a cura di FERRO- LUZZI-CASTALDI, Tomo III, p. 1860, Giuffrè ;

Anteprima della Tesi di Antonella Milillo

Anteprima della tesi: Il credito al consumo: La fattispecie, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonella Milillo Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10530 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.