Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il crack Parmalat: una truffa agevolata dal conflitto di interessi degli organi di controllo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1.4 Rapporti con la politica Callisto Tanzi apparteneva alla corrente della sinistra della Democrazia Cristiana anche se rifiutò qualsiasi coinvolgimento diretto con gli ambienti politici, comunque il fondatore della Parmalat grazie alle sue capacità di rapportarsi con il mondo politico riuscì a mantenersi in sella a lungo ben oltre Tangentopoli e nel cuore della Seconda Repubblica, nonostante che la situazione della sua azienda andasse peggiorando. Il politico che maggiormente sosteneva Tanzi era Ciriaco De Mita che lo spinse nella avventura televisiva di Odeon Tv in modo da poter contrastare il potere che esercitavano i socialisti di Craxi attraverso le televisioni di Berlusconi. Il rapporto fra l’imprenditore di Collecchio e la sinistra Dc non era limitato alla televisione, ma grazie ai suoi legami riuscì ad ottenere ingenti finanziamenti per insediamenti industriali. Per esempio dopo il terremoto in Irpinia il governo erogò 11 miliardi a favore di Tanzi, a fronte di tale erogazione la Corte dei conti aprì un’inchiesta perché non erano state rispettate certe condizioni dell’accordo. Da quanto emerso negli interrogatori dei collaboratori di Tanzi la Parmalat acquistò certe società, senza alcuna motivazione strategica per il gruppo, a prezzi eccessivi solo per acconsentire alle richieste di politici che avevano interessi a realizzarne la vendita. Certi politici democristiani a capo di importanti istituti di credito e finanziari sostennero la società in momenti di crisi attraverso prestiti a tassi di interesse alquanto favorevoli, per esempio durante la crisi di Chernobyl, Gianmario Roveraro, uomo di spicco della finanza cattolica, diventò partner di Tanzi nel delicato momento di aumento di capitale necessario per la quotazione in borsa di Parmalat. Dopo lo scandalo di Tangentopoli, che fece venir meno il potere della Democrazia cristiana, il patron della Parmalat non smise ad interessarsi del settore bancario.

Anteprima della Tesi di Stefano Lotto

Anteprima della tesi: Il crack Parmalat: una truffa agevolata dal conflitto di interessi degli organi di controllo, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Lotto Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14421 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.