Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giappone: crisi strutturale dell'economia e investimenti diretti in Italia e in Europa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

21 e lo scoppio della Prima Guerra Mondiale. Entrambe le visioni estreme appaiono però falsare il reale status quo. Non è vero che il recente intensificarsi delle interazioni economiche sia senza precedenti, come non è neppure vero che il processo non sia nuovo. Baldwin e Martin 31 mettono in luce l’esistenza di due “ondate di globalizzazione”, una dal 1820 al 1914, l’altra a partire dal 1960; tuttavia si tratta di fenomeni abbastanza diversi. Gli scambi di prodotti industriali dominano infatti la seconda ondata, caratterizzata anche da notevoli flussi di capitale a breve termine. 1.1.2 L’impresa multinazionale (IMN) L’impresa multinazionale è spesso identificata come qualsiasi impresa che detenga attività produttive in due o più paesi. 32 Un’interpretazione più restrittiva è quella che la fa coincidere con un’impresa che opera investimenti diretti in aree ad alto sviluppo economico e nei comparti avanzati dell’industria. 33 Ma una simile definizione non ne rende la reale complessità. È vero che le prime imprese multinazionali, di origine nordamericana, operavano in aree non arretrate (gli investimenti statunitensi erano infatti per lo più diretti in Europa dopo la seconda guerra mondiale). Ma è vero anche che i paesi in via di sviluppo giocano un ruolo essenziale nella delocalizzazione produttiva. In maniera più generale è possibile definirla come un’impresa che ha realizzato investimenti diretti esteri (IDE) o che ha la proprietà o il controllo di attività che creano valore aggiunto 34 in più di un paese. Un’impresa multinazionale consiste di una “casa madre” (localizzata nel paese d’origine) e di “affiliate”, localizzate nei paesi ospiti. Queste ultime possono essere di tre tipi: “associate”, quando la casa madre detiene una quota del capitale fra il 10 e il 50 per cento, “sussidiarie”, se la quota detenuta supera il 50 per cento, “branches” se controllate al 100 per cento. Dal punto di vista geografico, si è assistito anche in questo caso a variazioni nella composizione nazionale a partire dalla fine degli anni Sessanta. Se prima la 31 Cfr. Baldwin, Martin (1999). 32 Cfr. Hill, (2000), p. 7. 33 Cfr. la voce “Multinazionale” in La nuova enciclopedia del diritto e dell’economia. 34 Ovvero attività produttive, di marketing, di ricerca e sviluppo (R&S).

Anteprima della Tesi di Yari Simone Prete

Anteprima della tesi: Giappone: crisi strutturale dell'economia e investimenti diretti in Italia e in Europa, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Yari Simone Prete Contatta »

Composta da 250 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4184 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.