La comunicazione pubblicitaria nelle biotecnologie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 INTRODUZIONE Il programma di ricerca, ha come finalità lo sviluppo di un’attenta analisi comunicazionale e pubblicitaria, all’interno del mercato delle biotecnologie, settore che rivendica un immenso grado d’accrescimento a livello mondiale. La sua notevole espansione non ha tenuto conto della mancanza di sostegno da parte di una struttura, comunicativa ed informativa, capace di divulgare questa nuova forma di scienza verso un’opinione pubblica estremamente eterogenea, omettendo una garanzia d’accettazione compromessa da una speranzosa elasticità dei valori sociali. L’uso strumentale della simbologia riguardante gli OGM (organismi geneticamente modificati), potenziata dalla mancata informazione riguardo al settore, ha pregiudicato una corretta divulgazione di notizie riguardanti le notevoli potenzialità, verso una delle scienze che maggiormente interagirà con il nostro futuro e sulle nostre scelte di consumo. La disinformazione ha progressivamente lasciato il posto al disinteresse del consumatore, il quale sensibilmente disorientato dal caos comunicativo, sfugge istintivamente ciò che compromette e sbilancia il suo equilibrio, rifugiandosi nel raffinato tradizionalismo. Da qui nasce l’inarrestabile “querrelle” tra ciò che si considera il sacro e ciò che si dice profano, tra ciò che è vecchio e ciò che è nuovo, tra la rivendicazione di qualità sostenuta da un’ottima competenza tradizionale, e una dichiarata sicurezza, conscia del necessario sostegno da parte di una grande fiducia verso prodotti geneticamente modificati. La scelta riguardante lo studio di un tale settore, é dovuto alla grande mancanza di informazione ed alla strumentalizzazione del notiziabile, come unico mezzo di divulgazione e di indottrinamento della conoscenza sociale, con la conseguente estremizzazione delle argomentazioni. Il divario comunicativo, definito come knowladge gap, tra gli esperti ed il pubblico, conferisce una riduzione non indifferente della possibilità, da parte della società, di consolidare un rapporto

Anteprima della Tesi di Marcello Ventura

Anteprima della tesi: La comunicazione pubblicitaria nelle biotecnologie, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Marcello Ventura Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2648 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.