Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Leadership e motivazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I – Il Leader 15 Infine c’è da ricordare che le relazioni di scambio tra il leader ed i followers sono regolate da norme, implicite, di reciprocità. Si instaura, quindi, un rapporto che può essere sintetizzato dalla formula: “Do ut des”. (Downton, 1973) Secondo Bass e Stogdill, colui che viene definito leader transazionale deve possedere alcune caratteristiche fondamentali. In primis, egli deve essere in grado di valutare le buone performance ed il raggiungimento o meno di un obiettivo, in modo da distribuire ricompense. Queste devono servire come premio per coloro che si distinguono, ma devono essere anche uno stimolo per tutti gli altri. Questo tipo di leader deve anche avere la capacità di “gestire per eccezioni”, ossia capendo i segnali di una performance negativa in modo da anticiparla e, nel caso in cui questo non fosse possibile, intervenendo per far rispettare gli standard di prestazione. L’ultimo aspetto basilare risiede nell’approccio che si deve adottare nei confronti dei propri collaboratori. Infatti, si deve assumere uno stile permissivo, basato sul “laissez faire”. In questo senso, il leader deve concedere molta autonomia senza limitarsi ad opprimere i propri collaboratori dando ordini, ma lasciandoli liberi di esprimere tutte le loro potenzialità. (Bass e Stogdill, 1990) Al contrario, il leader trasformazionale basa il proprio potere sui principi, sull’autostima, sulla fiducia e sull’impatto motivazionale ad avere una performance sopra la media. Secondo Bass e Stogdill il leader transazionale fa leva sull’interesse che già esiste nei followers, mentre quello trasformazionale cerca di cambiare questo sistema di valori individuali costruendone uno in cui prendano forma degli obiettivi comuni. A questo proposito, entra in gioco l’abilità del leader nell’influenzare gli individui, cercando di ispirarli e facendo risvegliare i propri valori più alti.

Anteprima della Tesi di Paolo Casagrande

Anteprima della tesi: Leadership e motivazione, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Casagrande Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 35861 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 107 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.