Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Leadership e motivazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I – Il Leader 9 stesso tempo, anche manager, riuscendo a raggiungere gli obiettivi di efficienza oltre a quelli di efficacia. Bennnis e Nanus ( “Leader. Autonomia della leadeship”. 1985), affermavano che il leader ricercava il Know-why, prima del Know-how, cioè prima del capire come fare qualcosa, si provava a capire il perché la si doveva porre in essere. L’attività del leader, quindi, era orientata al problem finding, piuttosto che dal problem solving, ossia la soluzione del problema. Proprio per queste capacità di scopritore di problemi più che risolutore, il leader non aveva solo il compito di dare ordini ma entrava in contatto con tutti i suoi followers influenzandoli, formandoli ed educandoli. Il manager, invece, era orientato maggiormente al problem solving ed alla ricerca dell’operatività ed efficienza. (Bennis e Nanus, 1987) A questo punto, gli autori si sono interrogati su come fosse possibile fare una distinzione tra queste due figure. Il punto chiave sta nel definire gli equilibri in base alle situazione in cui si deve agire. Nello svolgere il lavoro di capi ci si trova di fronte a situazioni in cui le variabili possono apparire in conflitto. Accade, infatti, che si passi da momenti in cui è prioritario amministrare ad altri in cui si deve motivare, sostenere e guidare il personale. Oppure, esistono circostanze in cui è più conveniente essere orientati al compito ed altre in cui si deve porre maggiore enfasi sul risultato. Le nuove teorie affermano che, nella formazione dei manager, è importante inserire uno stock di conoscenze e di stimoli che sviluppino le tre capacità fondamentali del manager: a) Capacità concettuale/strategica. Il manager deve essere in grado di essere consapevole della complessità dell’organizzazione e dell’ambiente in cui opera in modo da inserirvi la propria attività.

Anteprima della Tesi di Paolo Casagrande

Anteprima della tesi: Leadership e motivazione, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Casagrande Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 35792 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 107 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.