Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Garibaldi e il ''garibaldinismo'': Storia di un mito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Il mito di Garibaldi ci mostra come per più di un secolo gli italiani abbiano percepito se stessi: rare figure come la sua infatti ci rivelano aspetti decisivi della nostra identità collettiva. Pochi altri connazionali sono stati considerati come il Condottiero la personificazione di virtù tipicamente italiane – la spontaneità, la generosità, l'eroismo, l'onestà – che si accompagnerebbero però a difetti non meno tipici. Garibaldi è stato il personaggio storico italiano più ammirato dalle élites europee, in particolar modo in Inghilterra, dove egli apparve come l'incarnazione dell'eroe romantico. Affrontando in questo lavoro una figura ancora tanto controversa, non si può fare a meno di notare il fatto che, sin dall'inizio della carriera del nostro eroe, vi fu una tendenza a trasfigurare la realtà dei fatti, cosa che si andò intensificando dal 1849-50 in occasione dell'uscita dei primi scritti sul suo conto; prendendo brevemente in rassegna queste opere, si può notare quanto esse abbiano influito sulla diffusione e realizzazione del suo alone mitologico. Nel 1850 usciva a Torino, dalla tipografia Fory e Dalmazzo già Favale in Doragrossa, un fascicoletto di 62 pagine: si trattava della prima biografia di Garibaldi ancora vivente scritta dal suo amico Gian Battista Cuneo. Quest'opera fu tradotta in diverse lingue e diffusa in Europa e in America favorendo, insieme alle opere autobiografiche, la diffusione del mito già dal 18501. Attraverso questa biografia si poneva in rilievo l'importanza dell'azione 1 «Nella sua Biografia di Giuseppe Garibaldi [...] Cuneo utilizza la struttura episodica e sequenziale, come anche lo stile del romanzo storico, per enfatizzare lo status di eroe di Garibaldi». Lucy Riall, Storie d'amore, di libertà e d'avventura: la costruzione del mito garibaldino intorno al 1848-49, in:A.A.V.V., Immagini della nazione nell'Italia del Risorgimento, a cura di Alberto Mario Banti e Roberto Bizocchi, Carocci, Roma, 2002, p. 161. 4

Anteprima della Tesi di Ennio Belforte

Anteprima della tesi: Garibaldi e il ''garibaldinismo'': Storia di un mito, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ennio Belforte Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9792 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.