Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Garibaldi e il ''garibaldinismo'': Storia di un mito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Garibaldi e il “garibaldinismo”: Storia di un mito. mazziniani, i cui sforzi erano diretti ad esaltare le gesta di un eroe che, secondo i loro intenti, avrebbe dovuto capeggiare il movimento di liberazione italiana. La sua ulteriore fortuna fu creata dalla presenza in Uruguay di interessi francesi e inglesi che contribuirono a far dilagare il mito oltre i confini americani. L'esaltante immagine del valoroso condottiero, attraverso diversi canali informativi, giunse fino in Italia all'attenzione di politici e popolani. L'idea che aveva suscitato rispondeva nella realtà ad un personaggio che aveva tutte le qualità per assurgere a figura mitica. In circostanze diverse dove la capacità di agire e il coraggio servono a poco, Garibaldi sarebbe rimasto anonimo e anonimo sarebbe rimasto se nella prima parte della sua vita i mazziniani non avessero contribuito alla formazione della sua leggenda4. Riassumendo, il mito nacque da circostanze fortuite nel 1833-34 e si consolidò (come vedremo più avanti) in America del Sud attraverso l'opera dei mazziniani; dopo le vicende che lo videro protagonista della Repubblica Romana, si venne creando attraverso le biografie il mito militare (dovuto al fenomeno del volontarismo) che assumerà una connotazione politica solo dopo la spedizione dei Mille. In occasione dell'impresa di cui sopra, la fama del Generale era ormai all'apice, i garibaldini vedevano in lui realmente una figura eroica; la storia attraverso le biografie era diventata leggenda e la leggenda divenne mito. Non si può fare a meno di notare che le opere biografiche scritte su Garibaldi nel periodo in cui egli era ancora vivente furono creatrici del mito5 e che, quelle scritte dopo la sua morte, risentirono ampiamente dell'alone mitico creato dai biografi precedenti. Le 4 Indro Montanelli e Marco Nozza, Garibaldi, Rizzoli, Milano, 1975, [ristampa del 1962], p. 609. 5 «La narrazione giocò un ruolo cruciale nel dare forma alla percezione popolare di Garibaldi». Lucy Riall, Storie d'amore, di libertà e d'avventura, etc., op. cit. p. 170. 6

Anteprima della Tesi di Ennio Belforte

Anteprima della tesi: Garibaldi e il ''garibaldinismo'': Storia di un mito, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ennio Belforte Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9792 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.