Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Garibaldi e il ''garibaldinismo'': Storia di un mito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Garibaldi e il “garibaldinismo”: Storia di un mito. socialista, egli era totalmente avverso all'ateismo marxista e alla teoria della lotta di classe, riteneva tutto ciò immorale. Intorno alla figura dell'eroe, nel decennio che va dal 1850 al 1860, si era andato coagulando un folto gruppo di persone che si richiamava a principi umanitari e democratici, quello che la storiografia ha definito “garibaldinismo”. Gli aspetti che fanno capo a questa definizione sono molteplici: innanzitutto non vi è una chiara distinzione con il mazzinianesimo, alle cui idee il predetto movimento attinse a piene mani, le due diverse correnti, diventavano per alcune personalità del periodo fasi di una diversa evoluzione politica. Il “garibaldinismo” probabilmente superò il mazzinianesimo creando le basi per una stretta collaborazione con la monarchia, atta alla creazione di un'opposizione democratica volta ad una lotta interna alle istituzioni (Crispi). Venne meno quindi nel “garibaldinismo” quella tendenza antisistema e rivoluzionaria che è tipica nei mazziniani, per far posto a dinamiche politiche non prive di una matrice rivoluzionaria ma pur sempre inclini alla contestazione legale (Bertani). Questo diede vita a diverse forze che si richiamarono alla figura dell'eroe: egli fu conteso tra Cavour e Crispi, tra Bertani e Mazzini, tutti cercarono di portarlo nella propria orbita. A rendere ancora più intricata la trama di queste vicende furono i rapporti che Garibaldi allacciò con le diverse associazioni sparse nel paese. Negli anni che vanno dal 1860-70 il Generale curò molto l'associazionismo, centro nevralgico da cui sarebbe dovuta passare l'iniziativa unificante che avrebbe condotto a Roma capitale. Il Generale, nel tentativo di fungere da elemento unificante per le forze democratiche del paese, non si tirò mai indietro divenendo il simbolo di molteplici correnti spesso tra loro, se non in contrasto, quantomeno in disaccordo. Egli, non avendo idee politiche ben precise (a differenza di 10

Anteprima della Tesi di Ennio Belforte

Anteprima della tesi: Garibaldi e il ''garibaldinismo'': Storia di un mito, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ennio Belforte Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9807 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.