Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consumo della radio: il caso Radio Deejay.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 dj come proprio leader. Non soltanto i giovani chiedono alla radio di assolvere una funzione identitaria, ma tutti le chiedono di creare “una comunità di adesione e di riconoscimento che può essere anche solo temporanea, perfino della durata di una sola sessione di ascolto, una comunità senza membership e senza pagamento di quote, tessere e bollini, senza un momento vero e proprio di accettazione del nuovo arrivato, senza attività sociali e tenui riti di ingresso se non l’atto unilaterale di accendere la radio” 9 . A tale richiesta si affianca quella di creare delle tribù, tribù che ascoltano la stessa musica, che condividono un’identità culturale o politica, che parlano uno stesso slang e che hanno gli stessi consumi culturali. La radio ha dato voce, soprattutto negli anni ’60, a idee politiche e ideali di vita alternativi osteggiati dal modo di pensare comune e che non trovavano altri canali di comunicazione. Facendo ascoltare a tutti i fermenti di quest’epoca, è stato creato attorno alla radio uno spirito che, qualche anno dopo, ha portato alla liberalizzazione dell’etere 10 . Nasce una radio libera. Il pubblico cerca identificazione in stili di vita, gusti e bisogni; si specchia in una stazione radio, nei suoi contenuti, nei suoi speaker, per avere conferma del 9 Menduni, Enrico, Il mondo della radio dal transistor ad Internet, Bologna, Il Mulino, 2001, pag. 61 10 La sentenza n.202 del 1976 della Corte Costituzionale, riconosce il diritto di radiodiffusione ma solo per trasmissioni effettuate in ambito locale. Tale decreto segnò la fine del monopolio RAI e l’affermazione di un modello di tipo misto pubblico-privato.

Anteprima della Tesi di Giovanna Labati

Anteprima della tesi: Il consumo della radio: il caso Radio Deejay., Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Giovanna Labati Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5759 click dal 18/04/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.