Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consumo della radio: il caso Radio Deejay.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1.1 Ritorno al successo La radio può far sognare: partendo dall’ascolto di una voce e di una canzone si costruiscono delle immagini, si rende visibile “l’udito”, si immaginano cose che saranno profondamente diverse per ognuno, perché il costruttore di queste immagini è la fantasia. “In radio puoi lavorare di fantasia e soprattutto far lavorare la fantasia di chi ti ascolta. Tutto quello che dici ha un significato, perché chi ti ascolta dispone solo della tua voce e non viene distratto dalle immagini. Se ami veramente la radio ti fa amare tutto quello che non vedi”. 1 Per più di quarant’anni sembrava che ci si fosse scordati del grande potere della radio, della sua grande capacità evocativa, del suo saper emozionare. In Italia l’oblio della radio ha una data d’inizio: 3 febbraio 1954, giorno in cui viene mandata in onda la prima trasmissione televisiva. Con l’avvento della TV non nasce solo un nuovo mezzo di comunicazione, ma inizia una vera e propria rivoluzione culturale, destinata a cambiare radicalmente i consumi culturali degli italiani e a condizionare la completa gestione del loro tempo libero. La TV entra nelle case e ne diventa subito la padrona: troneggia nel salotto di casa dove prima c’era la radio. 1 Intervista a Rosario Fiorello in Paolo Del Forno e Francesco Perilli, La radio….che storia! , Bergamo, Laurus, 1997, pag.8

Anteprima della Tesi di Giovanna Labati

Anteprima della tesi: Il consumo della radio: il caso Radio Deejay., Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Giovanna Labati Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5759 click dal 18/04/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.