Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Immigrazione extracomunitaria e lavoro in Veneto: il caso del comune di Oderzo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 sentire produrre confronti e generalizzazioni del tipo "gli africani sono..., i marocchini invece..., gli asiatici...". (Ambrosini, 1997) 1.2 L'ambivalenza del sistema economico: "desiderati ma non accolti" Una seconda questione tipica che avvicina la realtà delle regioni del Nord con quanto avviene in esperienze straniere ben più consolidate, è l'ambivalenza che caratterizza le società ospitanti, e in modo particolare i comportamenti dei datori di lavoro. Per certi aspetti, si può rilevare il carattere modernizzatore e culturalmente innovatore della loro scelta di assumere manodopera straniera, in contrasto con resistenze e pregiudizi della mentalità tradizionale. Eppure, questo atteggiamento non conformista sembra arrestarsi ai cancelli dell'azienda. Fatte salve esperienze individuali di solidarietà e di aiuto nella soluzione dei molti problemi della vita extra-lavorativa, l'iniziativa politico-culturale volta a incidere sulla società locale per sviluppare una maggiore integrazione dei lavoratori immigrati sembra molto modesta, per non dire assente. Per di più, fuori dell'azienda, comportamenti e atteggiamenti dei datori di lavoro, come pure dei colleghi, sembrano sostanzialmente omologati con quelli prevalenti nell'ambiente locale. Capita di frequente che le caratteristiche biografiche che rendono utili gli immigrati come lavoratori, li pongano al tempo stesso nella condizione di emarginati sociali. Di qui il paradosso espresso nei termini di "wanted but not welcome", ovvero di una "contraddizione tra la profittabilità della loro presenza come attori economici e l'indesiderabilità della loro presenza sociale". (Albert R. Zolberg, 1991) Lo straniero, abbastanza accettato ormai sul lavoro, soprattutto quando si tratta di svolgere i compiti più umili e faticosi, ridiventa un problema quando esce, vorrebbe insediarsi sul territorio, anche cercando spazi di socializzazione

Anteprima della Tesi di Stefania Longo

Anteprima della tesi: Immigrazione extracomunitaria e lavoro in Veneto: il caso del comune di Oderzo, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefania Longo Contatta »

Composta da 318 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6653 click dal 25/05/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.