Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Donne in carriera e carriere di donne: il caso delle docenti universitarie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 crescente, Francia (52%), Germania, Portogallo, e Olanda (con il 57%). La media Europea è del 50,4%, gli altri paesi si attestano tutti al di sotto di questa cifra, e l’Italia con il suo 36,2% supera soltanto, e di poco, la Spagna. Il nostro paese, dunque, ha visto aumentare i tassi di attività femminili nella seconda metà degli anni Settanta, ma in venti anni è riuscito a ridurre di poco la distanza che lo separa dagli altri paesi della Comunità. Insieme ai tassi di attività sono aumentati quelli di occupazione, e spesso anche quelli di disoccupazione femminile, dato che questa offerta di lavoro, non si traduce sempre in impiego. 3 Ma ciò che più ci interessa, oltre all’evidenza del dato quantitativo relativo all’accresciuta partecipazione lavorativa femminile, è il cambiamento nella qualità di questa partecipazione, cioè il cambiamento nei modi e nella sostanza della presenza femminile sul mercato del lavoro. Il dato più rilevante è, infatti, che il nuovo modello di partecipazione femminile che si è andato affermando dagli anni Ottanta in poi, è del tutto simile a quello maschile, nei tempi e nei modi di permanenza nel mercato, ed è molto meno influenzato, rispetto al passato, dal ciclo di vita familiare. Sappiamo, come nota la Groppi, che “la partecipazione ai processi produttivi è per tutti, uomini e donne, il risultato di una interazione tra 3 La “teoria del lavoratore scoraggiato” può, in parte, spiegare gli andamenti paralleli dei tassi di occupazione e di disoccupazione, che aumentano e diminuiscono insieme. Essa suggerisce che ci sia una minore propensione, da parte dei soggetti, a porsi sul mercato del lavoro quando la situazione economica è depressa (“effetto di scoraggiamento”), per cui questi individui, al diminuire del livello di occupazione, invece di ingrossare le fila dei disoccupati, si ritirano tra gli “inattivi”. Questa relazione vale anche in senso inverso, perciò, quando la domanda di lavoro è forte, gli inattivi (cioè principalmente la componente “secondaria” dell’offerta, costituita da giovani, donne e anziani) incoraggiati dalla congiuntura economica favorevole, si ripresentano sul mercato. Di qui l’aumento, insieme, di occupazione e di disoccupazione, dato che domanda e offerta non sono indipendenti, ma si influenzano a vicenda (Reyneri 1996, cap.III).

Anteprima della Tesi di Michela Balocchi

Anteprima della tesi: Donne in carriera e carriere di donne: il caso delle docenti universitarie, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michela Balocchi Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8953 click dal 18/04/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.