Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La secessione slovena, l’Italia e la Regione Friuli Venezia Giulia durante la crisi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 CAPITOLO I: Lo scenario internazionale I.1:La situazione nei Paesi dell’Est L’analisi della crisi jugoslava e della secessione della Slovenia non può prescindere dal contesto internazionale nel quale queste sono inserite. E’ dunque necessario inquadrare il caso jugoslavo nell’ottica della crisi generale dei regimi comunisti in Europa orientale e dei nuovi equilibri politico-strategici del dopoguerra fredda. La fine del socialismo reale nell’Est europeo e l’emergere di vecchi nazionalismi da molto tempo sopiti, stava sconvolgendo i precedenti equilibri che avevano retto per quasi cinquant’anni. Il crollo dell’impero sovietico stava portando i Paesi dell’Est ad una difficile transizione verso la democrazia e spesso ad una situazione di totale disorientamento politico e sociale, dove il nazionalismo trovava terreno fertile. Il vuoto politico lasciato dal vecchio regime e la scomparsa dell’elemento unificante rappresentato dall’ideologia favorirono lo sviluppo di istanze nazionaliste: il posto lasciato dal Partito veniva occupato dall’idea di Nazione, scardinando l’intero sistema. All’interno dell’Unione sovietica, il tentativo di Mikhail Gorbaciov di trovare un compromesso tra comunismo e perestroika per mantenere l’unità federale si scontrava con l’opposizione di Boris Eltsin, favorevole all’indipendenza delle singole Repubbliche e quindi al dissolvimento della Federazione. La fine del dominio del Partito sullo Stato dava nuovo spazio di azione alle forze centrifughe presenti all’interno delle singole Repubbliche, mettendo in primo piano la questione delle nazionalità non russe. I referendum popolari sulla definizione di un nuovo assetto da dare all’Unione, indetti all’inizio del 1991, sancirono la volontà dei Paesi baltici, Estonia, Lettonia e Lituania, di raggiungere l’indipendenza.

Anteprima della Tesi di Sara Tesi

Anteprima della tesi: La secessione slovena, l’Italia e la Regione Friuli Venezia Giulia durante la crisi, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sara Tesi Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1387 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.