Namibia: ambiente naturale, sociale e turismo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 1.1 Ambiente e territorio: clima, flora, fauna. La Namibia (fig.1) occupa la porzione occidentale dell’Africa Meridionale: i suoi confini naturali sono, oltre all’Oceano Atlantico su cui si affaccia per più di 1200 km, i fiumi Cunene e Okavango a nord, il fiume Orange a sud, il deserto del Kalahari a est. A parte le pianure costiere, il territorio namibiano si stende sugli altopiani che occupano una buona parte dell’Africa australe, ad una quota comprese tra i 500 ed i 1200 m. Generalmente piatte o leggermente ondulate, le alte terre namibiane sono segnate dai rilievi più pronunciati al centro-nord, nel Kaokoland, nel Damaraland e nella regione di Omaruru, dove si trova il principale massiccio montuoso, il Brandberg (2580 m.), che domina la regione di Uis. (Treccani, 2000) Due sono gli ambienti naturali che caratterizzano il paese: il deserto e la savana: ξ la regione meridionale e tutte le regioni costiere sono prevalentemente desertiche, molto aride e semi-popolate; a sud-est si trovano i lembi occidentali del deserto del Kalahari, dove si incontra a tratti la caratteristica vegetazione composta da cespugli e piccoli alberi chiamata bush; il sud- ovest è completamente occupato dallo splendido deserto del Namib, dove vaste regioni pietrose si alternano ad immense distese di dune sabbiose dai colori caldi, che in molti tratti del litorale arrivano fino al mare; anche la costa settentrionale, la Skeleton Coast, è una distesa deserta di sabbia e di pietre che si estende per diverse decine di chilometri.

Anteprima della Tesi di Marco Attanà

Anteprima della tesi: Namibia: ambiente naturale, sociale e turismo, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Marco Attanà Contatta »

Composta da 333 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1954 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.