Skip to content

A partire da Marcel Mauss: il paradosso del dono fra reciprocità e dispendio.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
17 originario di rendere sacro. La vita politica è in questo caso subordinata alla vita religiosa o mistica 44 . La gerarchia dei fini precedentemente esposta ha, dunque, al suo vertice la negazione e il superamento di se stessa. La liberazione non è data, infatti, dalle azioni e, quindi, nemmeno dall’osservanza del rituale proprio di ogni casta: “l’uomo è decaduto dal suo stato di perfezione originaria a causa della conoscenza del bene e del male, ed è proprio da questa stessa conoscenza, rappresentata dalla legge morale, che dovrà infine liberarsi. Per lontano che egli sia pervenuto, gli rimarrà sempre un ultimo passo da compiere, quello che comporta la dissoluzione di tutti i precedenti valori” 45 . Se, dunque, seguendo Caillè, la suddetta gerarchia, tradotta in concetti moderni, impone che la prima serie di fini sia retta dal principio del piacere, la seconda dal principio di realtà, la terza dalla distinzione tra bene e male, ciò che caratterizza il moska è proprio il fatto di mirare al di là di questi tre principi, in quanto è ricerca di “a-strutturalità” e “a-razionalità”. I primi tre fini dell’azione umana implicano una concezione del mondo frammentata e offuscata dall’incantesimo della maya 46 , la quale illude l’uomo di essere separato dal proprio ambiente e di poter agire indipendentemente da esso: «Tutte le azioni avvengono per l’intrecciarsi delle forze della natura; (ma) colui che è traviato dal sentimento del proprio ego pensa: “sono io colui che fa”. «Ma colui che conosce il rapporto fra le forze della natura e le azioni vede come certe forze della natura agiscono su altre, e non ne diviene schiavo » 47 . Spezzare l’incantesimo della maya, “significa comprendere che tutti i fenomeni che percepiamo con i nostri sensi sono parte della medesima realtà. Significa provare concretamente e personalmente che tutto, compreso il nostro stesso io, è Brahman. Questa 44 Cfr. A.COOMARASWAMY, Induismo e Buddismo, tr.it. di U.Zalino, Milano 1994, p.27, dove l’autore afferma che “il Sacerdotium comprende sia l’autorità sacerdotale sia la regalità …mentre il Regnum,…, comprende la sola autorità regale, è relativamente femminile ed è subordinato al Sacerdotium, la sua guida. La distinzione delle funzioni in termini di sesso definisce la gerarchia. Soltanto Dio è maschile rispetto al tutto…Il sacerdote è maschile rispetto al re ed il re è maschile rispetto al suo reame”. In relazione alla complementarietà delle due funzioni si veda, invece, AA.VV., Manuale di storia delle religioni, Bari 1998, pp.291-332, dove si afferma che lo ksatriya, il guerriero in posizione di comando politico e militare, e il brahmana, il sacerdote, custode delle visioni mistiche e dei riti, costituiscono due ruoli opposti e in continua tensione, ma anche complementari: il primo, infatti, è il “sacrificante” per eccellenza che, con i riti appropriati compiuti dal sacerdote, spera di assicurarsi il potere temporale; il brahmano, a sua volta, dipende dal guerriero per il proprio sostentamento e la propria incolumità. 45 A.COOMARASWAMY, Induismo e Buddismo cit., p.57. 46 Cfr. F.CAPRA, Il tao della fisica, tr.it. di G.Salio, Milano 1989, pp.100-110, dove a proposito della maya l’autore sostiene che essa “non significa che il mondo è un’illusione, come spesso viene erroneamente affermato. L’illusione, semplicemente, si trova nel nostro punto di vista, se pensiamo che le forme e le strutture, le cose e gli eventi attorno a noi siano realtà della natura, invece di comprendere che sono concetti della nostra mente la quale misura e classifica. Maya è l’illusione che deriva dallo scambiare questi concetti per realtà, dal confondere la mappa con il territorio”. 47 Bhagavadgita, tr. it. di R.Gnoli, Milano 1987, III, 27-28.
Anteprima della tesi: A partire da Marcel Mauss: il paradosso del dono fra reciprocità e dispendio., Pagina 14

Indice dalla tesi:

A partire da Marcel Mauss: il paradosso del dono fra reciprocità e dispendio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Tagliabò
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: BrunaGiacomini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bataille
derrida
dispendio
dono
fatto sociale totale
homo oeconomicus
kula
latouche
legame sociale
mauss
potlatch
reciprocità
scambio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi