Skip to content

A partire da Marcel Mauss: il paradosso del dono fra reciprocità e dispendio.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 teleologico: se l’uomo, infatti, non diversamente da un arciere, è maggiormente in grado di raggiungere qualcosa avendo un bersaglio, la conoscenza del bene, in quanto “ciò verso cui ogni cosa tende” 13 , è di estrema importanza per la vita stessa. Tuttavia il fine, identificato per l’appunto col bene, non deve essere considerato in modo univoco e questo perché “tra i fini c’è un’evidente differenza: alcuni, infatti, sono attività, altri sono opere che da esse derivano”. E “poiché molte sono le azioni, le arti e le scienze, molti sono anche i fini” 14 . Questa molteplicità 15 di fini non è, del resto, informe, ma inserita in una struttura gerarchica. Vi sono, infatti, beni che noi perseguiamo in vista di altro e che, quindi, sono subordinati ad altri fini, in modo particolare a quelli delle attività architettoniche. Evidentemente non si può procedere all’infinito in tale classificazione, ma è necessario che questa gerarchia abbia un vertice, a meno che non si voglia ridurre l’agire umano a una tensione priva di scopo e contenuto e considerare il nostro desiderio vuoto e folle: “se vi è un fine delle azioni da noi compiute che vogliamo per se stesso, mentre vogliamo tutti gli altri in funzione di quello…è evidente che questo fine deve essere il bene, anzi il bene supremo” 16 . La scienza che ha per oggetto questo fine ultimo dell’agire è la politica, cioè quella scienza che è “architettonica in massimo grado”. Infatti, “poiché è essa che si serve di tutte le altre scienze e che stabilisce, inoltre, per legge che cosa si deve fare, e da quali azioni ci si deve astenere, il suo fine abbraccerà i fini delle altre, cosicché sarà questo il bene per l’uomo” 17 . A questo punto, prima di addentrarci nella definizione di questo bene propriamente umano, occorre evidenziare una precisazione fatta da Aristotele stesso e che è 13 ARISTOTELE, Etica Nicomachea, tr.it. di C.Mazzarelli, Milano 1993, I 1094 a 3. Per ulteriori definizioni del bene come fine si vedano: ivi, 1097 a 18-24, dove, a proposito delle diverse arti, Aristotele si chiede: “che cos’è dunque il bene di ciascuna? Non è forse ciò in vista di cui si fa tutto il resto? E ciò in medicina è la salute, in strategia la vittoria, in architettura la casa, una cosa in un’arte, un’altra in un’altra arte, ma in ogni azione e in ogni scelta è il fine: è in vista di questo che tutti fanno il resto. Cosicché, se c’è una cosa che è il fine di tutte le azioni che si compiono, questa sarà il bene realizzabile praticamente”; si confronti, inoltre, ARISTOTELE, De Anima, tr.it. di G.Movia, Milano 1996, Y 10, 433 a 27-30, dove, a proposito delle cause del movimento, Aristotele sostiene che “ è sempre l’oggetto della tendenza che muove, ma questo o è il bene o è ciò che appare come bene; non però ogni bene, ma il bene che è oggetto dell’azione”; inoltre si veda ARISTOTELE, Metafisica, A 2, 982 b 6 sg., dove si afferma che “il fine in ogni cosa è il bene e, in generale, nella natura tutta, il fine è il sommo bene”; infine, cfr. ARISTOTELE, Politica, tr. it. di C.A.Viano, Bari 1993, p.29, dove l’autore sostiene che “tutti compiono ogni loro azione per raggiungere ciò che ad essi sembra essere un bene” e che “la natura di una cosa è il suo fine”. 14 ARISTOTELE, Etica Nicomachea cit., I 1094 a 4 sg. 15 Cfr. ivi, I 1096 a 20- 1097 a 15, dove Aristotele sostiene che “il bene ha tanti significati quanti ne ha l’essere” e che, quindi, il termine bene può essere usato nel senso di ciascuna delle categorie. Tuttavia il bene come sostanza, il Bene in sé platonico, non può essere oggetto di una trattazione etico-politica perché non è un bene perseguibile mediante l’azione. 16 ARISTOTELE, Etica Nicomachea cit., I 1094 a 18-23. 17 Ivi, I 1094 b 4-7.
Anteprima della tesi: A partire da Marcel Mauss: il paradosso del dono fra reciprocità e dispendio., Pagina 7

Preview dalla tesi:

A partire da Marcel Mauss: il paradosso del dono fra reciprocità e dispendio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Tagliabò
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Bruna Giacomini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bataille
derrida
dispendio
dono
fatto sociale totale
homo oeconomicus
kula
latouche
legame sociale
mauss
potlatch
reciprocità
scambio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi