Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Parchi e riserve naturali tra Stato e Regioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 1. Normativa e giurisprudenza in tema di riparto delle competenze tra Stato e Regioni in materia di parchi e riserve naturali La protezione della natura è un’esigenza che comincia ad affermarsi autonomamente a partire dagli anni ’70. Fino ad allora la questione della tutela ambientale era inglobata nell’ambito delle più generali discipline dell’urbanistica, del turismo, della caccia e della pesca e della sanità, già attribuite dall’art. 117 della Costituzione alla competenza regionale. Nel 1977 il vuoto normativo in materia è stato colmato dal legislatore con gli artt. 66 2 e 83 3 del d.P.R. n. 616 4 . Il modello proposto da tale decreto era quello tipico delle competenze regionali concorrenti: sono state, infatti, trasferite alle Regioni a statuto ordinario le funzioni amministrative in materia di protezione della natura, riserve e parchi naturali 5 , e le relative potestà legislative, residuando allo Stato 2 L’art. 66, sotto la rubrica Agricoltura e foreste, stabilisce: “Le funzioni amministrative nella materia “agricoltura e foreste” concernono: le coltivazioni della terra e le attività zootecniche e l’allevamento di qualsiasi specie con le relative produzioni, […] gli interventi di protezione della natura comprese l’istituzione di parchi e riserve naturali e la tutela delle zone umide.” 3 L’art. 83, sotto la rubrica Interventi per la protezione della natura, stabilisce: “Sono trasferite alle regioni le funzioni amministrative concernenti gli interventi per la protezione della natura, le riserve ed i parchi naturali. Per quanto riguarda i parchi nazionali e le riserve naturali dello Stato esistenti, la disciplina generale relativa e la ripartizione dei compiti fra Stato, regioni e comunità montane, ferma restando l’unitarietà dei parchi e riserve, saranno definite con legge della Repubblica entro il 31 dicembre 1979. […] Resta ferma nell’ambito delle funzioni di indirizzo e di coordinamento, la potestà per il Governo di individuare i nuovi territori nei quali istituire riserve naturali e parchi di carattere interregionale. È fatto salvo quanto stabilito dall’art. 3 del decreto del Presidente della Repubblica 22 marzo 1974, n. 279, relativamente al Parco nazionale dello Stelvio.” 4 Tale decreto ha attuato il completamento del trasferimento delle funzioni amministrative dallo Stato alle Regioni. Il decreto è pubblicato in Suppl. ord. G.U. n. 234 del 29 agosto 1977. 5 Più specificatamente, le Regioni hanno una competenza generale per i parchi da istituire entro il proprio territorio, mentre sono esclusi dalla regionalizzazione i parchi e le riserve naturali dello Stato preesistenti, per la cui condizione giuridica il decreto rimanda ad una futura legge cornice.

Anteprima della Tesi di Sara Sileoni

Anteprima della tesi: Parchi e riserve naturali tra Stato e Regioni, Pagina 2

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Sara Sileoni Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1881 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.