Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli Investimenti Diretti Esteri Nella Cina Del Nuovo Millennio: Aspetti Tributari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.3 L’economia della RPC Nel marzo del 1999 il National People’s Congress (parlamento cinese) emana una legge di riforma costituzionale che segna il cammina della Cina verso l’economia di mercato. La proprietà privata acquista di valore, venendo riconosciuta la coesistenza di proprietà pubblica e privata all’interno della costituzione. Inoltre viene stabilita l’importanza dell’economia privata per lo sviluppo economico della RPC e vengono riconosciuti esplicitamente i diritti e gli interessi dell’economia privata, che ora è inviolabile e protetta dalla legge da espropri o requisizioni. Le imprese individuali e private sono elementi essenziali dell’economia socialista di mercato e non più, come stabiliva il testo costituzionale precedente, mero supplemento all’economia socialista. In questi ultimi anni la Cina ha deciso di intraprendere il suo cammino verso un’economia di mercato, abbattendo l’ideologia socialista con la graduale introduzione di leggi di stampo liberale. Ma per capire la Cina di oggi e la sua economia bisogna seguire il processo storico che ha attraversato. Nel 1949 viene proclamata la Repubblica Popolare Cinese e per la prima volta dopo 100 anni la Cina ha nuovamente un governo centrale che esercita un effettivo controllo politico su tutto il territorio. Il governo si impegna da subito nello sviluppo economico del paese. Seguendo l’ideologia comunista vengono attuate politiche di sviluppo industriale che si rifanno al modello sovietico e vengono eretti gli organi e gli apparati statali necessari allo sviluppo economico e politico. Il processo di industrializzazione era però molto costoso e la Cina che si era chiusa in un sistema autarchico dovette reperire le risorse necessarie all’interno del proprio territorio. A pagare i costi dello sviluppo furono i contadini che dovettero cedere i propri prodotti a prezzi stracciati al governo centrale. Con la fine dei rapporti con l’Unione Sovietica negli anni sessanta la Cina

Anteprima della Tesi di Manuel Agnoletti

Anteprima della tesi: Gli Investimenti Diretti Esteri Nella Cina Del Nuovo Millennio: Aspetti Tributari, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Manuel Agnoletti Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8511 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.