Geopolitica del terrorismo: rassegna di dati recenti.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Questo svolge la sua lotta clandestinamente fra il popolo, adottando per convincerlo: azioni dimostrative, che hanno in primo luogo il compito di vendicare le vittime del terrore esercitato dall’autorità e in secondo luogo quello di terrorizzare quest’ultima, facendo vedere come la capacità di colpire al centro stesso del potere sia il risultato di una salda organizzazione: di una più ampia possibilità di azione: lo stillicidio degli attentati simbolizza la crescita qualitativa ed anche quantitativa del movimento rivoluzionario. In sostanza la pratica terroristica si adatta ad una condizione socio-politica di particolare arretratezza, nella quale è necessario svegliare la coscienza popolare e farle compiere il passo dal risentimento passivo alla lotta attiva attraverso quella che potrebbe essere definita una vera e propria scorciatoia nel processo di crescita rivoluzionaria”. 1 Il terrorismo interessa la Geografia politica proprio perché ha motivazioni politiche e ignora molto spesso i confini degli Stati 2 . 1 Si deve notare come l’esposizione di queste caratteristiche da parte di Luigi Bonanate si riferisce essenzialmente al terrorismo storico-rivoluzionario, poiché la sua definizione non può certo adattarsi al terrorismo che colpisce Stati industriali, moderni, e democratici, come ad esempio Italia, Germania o Stati Uniti. 2 Martin Ira, Glassner. Manuale di Geografia politica. Vol. 2, pag. 97. Milano: 1995, Angeli.

Anteprima della Tesi di Antonio Martelli

Anteprima della tesi: Geopolitica del terrorismo: rassegna di dati recenti., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Antonio Martelli Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4060 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.