Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema dei controlli interni nelle aziende complesse

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

A destare particolare interesse è la comunicazione Consob del 20 febbraio 1997 che raccomanda ai sindaci delle società quotate di fornire valutazioni e commenti, nella loro relazione sul bilancio di esercizio, sull’adeguatezza e sull’efficacia del sistema di controllo interno. Essa prevede che il Collegio Sindacale richieda alla società di revisione, “tutte le informazioni utili per il controllo di propria competenza, con particolare riferimento a quelle relative al funzionamento del sistema di controllo interno ed amministrativo-contabile, il cui fine è proprio di garantire la conformità degli atti di gestione all’oggetto sociale, la salvaguardia del patrimonio e l’attendibilità dei dati contabili” 8 . L’espressione ‹‹sistema di controllo interno›› viene introdotta per la prima volta nella legislazione italiana dal D.lgs. 24 febbraio 1998, n.58 ( legge Draghi o Testo Unico della Finanza-TUF ), all’art. 149, primo comma, punto c. La legge Draghi non fornisce una vera e propria definizione del controllo interno, ma lo designa, nell’ambito della struttura organizzativa delle società, come un processo riconosciuto come attività autonoma, essenziale per garantire la qualità del funzionamento del sistema gestionale e, quindi, oggetto d’attenzione da parte dell’organo di controllo. Nella delibera Consob n. 11522, regolamento di attuazione del D.lgs. 58/98, la locuzione ‹‹sistema di controllo interno›› assume per la prima volta uno specifico ruolo nell’ambito della struttura organizzativa della società. L’esigenza di trovare una definizione di sistema di controllo può essere soddisfatta nella norma 2.4 dei Principi di comportamento del Collegio Sindacale: Vigilanza sull’adeguatezza del sistema di controllo interno e sull’adeguatezza ed affidabilità del sistema amministrativo contabile. Facendo riferimento a quanto previsto dalla professione contabile internazionale (paragrafo 400 IFAC) e nazionale (Principi di revisione, documento 3.1), il sistema di controllo interno viene espresso come ″l’insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche adottate dall’azienda, allo scopo di raggiungere i seguenti obiettivi: • la conformità delle attività degli organi aziendali all’oggetto che l’impresa si propone di conseguire e alle direttive ricevute; 8 Comunicazione CONSOB n.97001574 del 20 febbaio 1997 (‹‹Raccomandazioni in materia di controlli societari-Rapporti di collaborazione tra Collegio Sindacale e società di revisione››). 9

Anteprima della Tesi di Marco Massi

Anteprima della tesi: Il sistema dei controlli interni nelle aziende complesse, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Massi Contatta »

Composta da 229 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12638 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 47 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.