Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Sala Borsa di Bologna: tra funzione urbanistica e ruolo pubblico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 trasferimento delle competenze in materia alle Regioni. Viene poi fornito, sempre in questa sezione, un quadro generale dei principi e delle linee guida che animano e guidano la biblioteca pubblica e la mediateca, promulgate dalle principali associazioni nazionali e internazionali di bibliotecari, che influenzano con forza il momento della progettazione architettonica e urbanistica degli edifici in cui le biblioteche pubbliche sono collocate. Questa sezione si conclude con la descrizione di alcuni tra i più significativi esempi di come un efficace rapporto tra politica bibliotecaria e pianificazione urbanistica abbia prodotto risultati e casi significativi. La terza parte riguarda le biblioteche di Bologna, con un’attenzione maggiore alle biblioteche pubbliche, senza però trascurare il quadro generale della situazione bibliotecaria della città: la storia di queste istituzioni, che fin dal Medioevo hanno dimostrato la loro centralità nel tessuto urbano, include la storia dei principali promotori e delle diverse sedi delle più importanti biblioteche della città, fino ad arrivare all’attuale quadro legislativo, regionale ma anche comunale, riferendoci quindi alle linee di indirizzo promulgate dalla Giunta di Guazzaloca e di come queste si inseriscono nella più generale politica bibliotecaria dell’Emilia-Romagna. Si propone, infine, una panoramica della situazione attuale. L’ultima parte è dedicata interamente alla Sala Borsa: viene ripercorsa la storia dell’edificio che la ospita, dalla creazione del Viridario al suo utilizzo come locali per la Borsa di Commercio, fino al progetto di installazione della grande mediateca; quest’ultimo viene rapportato al più generale progetto che riguarda l’intera piazza, denominato “Parco Urbano di Piazza Maggiore”: si propone quindi la ricostruzione sia del progetto originario (come la biblioteca doveva essere) che delle modifiche intercorse fino a far diventare la Sala Borsa così come si propone oggi, con gli esercizi commerciali. Non manca il racconto delle polemiche che hanno accompagnato la realizzazione del nuovo progetto per la Sala Borsa, per descrivere, infine, come essa è strutturata attualmente e cosa è cambiato nei luoghi che la biblioteca e gli esercizi condividono.

Anteprima della Tesi di Mariachiara Montera

Anteprima della tesi: La Sala Borsa di Bologna: tra funzione urbanistica e ruolo pubblico, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mariachiara Montera Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1525 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.