Politica e capitalismo industriale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 2. la sfida delle associazioni di rappresentanza, anche politica dei lavoratori. Questa in particolare è spesso considerata la causa fondamentale dell’associazionismo imprenditoriale, ma non è certo l’unica, né, talvolta, la principale. 3. la terza causa origina dall’aumento dell’intervento dello Stato nell’economia, che sottrae progressivamente importanza al mercato come sistema di distribuzione delle risorse. Tale fenomeno provoca negli imprenditori una reazione che si sviluppa lungo una duplice direttrice: da un lato cercano di evitare che le limitazioni alla propria libertà di investimento siano troppo stringenti, dall’altro che le tendenze redistributive raggiungano livelli considerati eccessivi. Ancora dalla trattazione di Lanzalaco possiamo trarre un utile schematizzazione per “quantificare” la propensione di un attore all’azione collettiva. Essa sarà proporzionale al suo “fabbisogno” di azione collettiva, che sarà tanto più elevato: ξ quanto più egli non è in grado di adottare strategie individuali per difendere i suoi interessi o tali strategie sono eccessivamente onerose

Anteprima della Tesi di Francesco Di Cola

Anteprima della tesi: Politica e capitalismo industriale, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Di Cola Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2579 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.