Arti visive per non vedenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 seguo la falsariga di Arte e percezione visiva [Arnheim, 1954], a cui rimando per eventuali approfondimenti: 1. La prospettiva Ci sono diversi modi di esprimere la terza dimensione, tra cui: la prospettiva centrale rinascimentale, la prospettiva isometrica (in cui le rette all’infinito rimangono tra loro parallele), quella invertita (in cui le forme divergono in lontananza invece che convergere). Tutte queste non sono che approssimazioni di ciò che vediamo nel mondo reale, nessuna riesce a riprodurre perfettamente il nostro percetto. La scelta di un determinato tipo di prospettiva è anche un modo di veicolare una determinata visione del mondo: la prospettiva centrale rappresenta bene un mondo gerarchico, con un unico e solido centro, in cui la figura principale è collocata al centro e tutto viene determinato armonicamente, come, ad esempio, nell’Ultima Cena di Leonardo. Se però passiamo all’Ultima Cena di Tintoretto, dipinta una sessantina di anni dopo, abbiamo che il centro focale della stanza si trova in alto a destra, mentre Cristo è spostato e si trova al centro del quadro: la legge del mondo ha perduto la sua validità assoluta e viene presentata come un modo di esistenza possibile tra altri, egualmente possibili. 2. La sovrapposizione Nella nostra realtà, accade assai raramente che un oggetto possa essere visto interamente. La maggior parte delle volte risulta almeno parzialmente coperto da un altro oggetto. Il nostro sistema visivo si è evoluto adattandosi a questa realtà e siamo generalmente capaci di completare un oggetto automaticamente. Anche se vediamo una persona con una gamba dietro ad un tavolo, diciamo di aver visto l’intera persona, e non crediamo certo che sia senza una gamba. Un non vedente, però, non è generalmente abituato all’idea che un oggetto non possa essere visto nella sua totalità. Quando prende in mano qualcosa, è in grado di maneggiarlo e può toccarlo in tutti i suoi aspetti. Naturalmente non è difficile comprendere che una parte di un oggetto

Anteprima della Tesi di Laura Freina

Anteprima della tesi: Arti visive per non vedenti, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Freina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6054 click dal 30/05/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.