Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arti visive per non vedenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Nel nostro campo visivo Arnheim riconosce la presenza di forze percettive, che si creano nel sistema nervoso al formarsi del percetto e che sono, almeno in parte, legate alla nostra esperienza del mondo. Queste forze dipendono dalla posizione degli oggetti nel piano della rappresentazione, dalla loro profondità spaziale, dalla dimensione e colore, oltre che dalla desiderabilità, interesse o timore dell’oggetto, dalle aspettative dell’osservatore, ecc. La mente umana tende alla ricerca di una condizione di equilibrio tra queste forze, che può essere raggiunto attraverso un complesso insieme di rapporti tra gli oggetti e tra diverse caratteristiche del campo visivo, anche se la soddisfazione non è la stasi nell’equilibrio, ma l’azione che vi tende. La nostra vista si è poi specializzata nel riconoscimento delle forme, con particolare attenzione a quelle che hanno un’influenza sulla nostra vita, siamo capaci di afferrare immediatamente alcuni tratti essenziali, sufficienti per il riconoscimento dell’oggetto esaminato. La configurazione globale di una immagine salta immediatamente all’occhio, non viene creata in base alle singole parti che lo compongono. Lo scheletro strutturale di un oggetto arriva alla nostra coscienza solo dopo una complessa elaborazione. Siamo anche capaci di distinguere gli oggetti dallo sfondo, o riconoscerli e completarli quando si sovrappongono, rimanendo in parte nascosti alla vista. Noi percepiamo lo spazio in cui viviamo come anisotropico, nel senso che alto e basso, sinistra e destra hanno significati diversi. Tutti gli esseri umani associano ad alto e basso lo stesso significato, che dipende dall’ambiente naturale che ci circonda e dalla forza di gravità. Per quanto riguarda la sinistra e la destra, invece, ci sono differenze culturali: per gli occidentali la sinistra viene prima della destra, secondo la direzione della nostra scrittura, per cui un movimento da sinistra verso destra viene percepito come naturale e gradevole, mentre quello opposto presenta maggiori difficoltà. Queste caratteristiche sono particolarmente importanti nelle opere d’arte, dove le diverse forze concorrono a creare l’impressione generale

Anteprima della Tesi di Laura Freina

Anteprima della tesi: Arti visive per non vedenti, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Freina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6046 click dal 30/05/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.