Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ius ad bellum e ius in bello nel conflitto tra Stati Uniti e loro alleati contro l'Iraq

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

IUS AD BELLUM E IUS IN BELLO NEL CONFLITTO TRA STATI UNITI E LORO ALLEATI CONTRO L’IRAQ 2 tramite la quale il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite condannò, all’unanimità, «the Iraqi invasion of Kuwait», chiese «that Iraq withdraw immediately and unconditionally all its forces» e sollecitò l’Iraq ed il Kuwait «to begin immediately intensive negotiations for the solution of their differences», riservandosi di «consider further steps» qualora Baghdad non avesse rispettato il provvedimento 3 . La Risoluzione 678 del 29 novembre 1990, adottata con 12 voti a favore, l’astensione della Cina e il voto contrario di Cuba e Yemen, autorizzò gli Stati membri che cooperavano con il governo kuwaitiano «to use all necessary means to uphold and implement resolution 660 (1990) and all subsequent relevant resolutions and to restore international peace and security in the area», nel caso in cui l’Iraq fosse rimasto inadempiente rispetto a queste disposizioni «on or before 15 January 1991» 4 . Nella notte fra il 15 e il 16 gennaio 1991 iniziò l’operazione «Desert Storm» come conseguenza della persistente violazione da parte irachena del disposto delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza che condannavano la sua aggressione nei confronti dell’Emirato del Kuwait. Le operazioni militari durarono poco meno di un mese e mezzo e si conclusero con la sconfitta delle forze armate irachene. Il 3 aprile 1991 fu adottata la Risoluzione 687 in cui si affermò «that Iraq shall unconditionally accept the destruction, removal, or rendering harmless, under international supervision, of (a) all chemical and biological weapons and all stocks of agents and all related subsystems and components and all research, development, support and manufacturing facilities related thereto; (b) all ballistic missiles with a range greater than one hundred and fifty kilometres, and related major parts and repair and production facilities» 5 . Con questa risoluzione si istituì un sistema di verifica e di 3 S/RES/660 (1990) del 02.08.1990. parr. 1-4. 4 S/RES/678 (1990) del 29.11.1990, par. 2. 5 S/RES/687 (1991) del 03.04.1991, par. 8.

Anteprima della Tesi di Daniele Giuseppe Sfregola

Anteprima della tesi: Ius ad bellum e ius in bello nel conflitto tra Stati Uniti e loro alleati contro l'Iraq, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Giuseppe Sfregola Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7650 click dal 20/04/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.