Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ius ad bellum e ius in bello nel conflitto tra Stati Uniti e loro alleati contro l'Iraq

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE 7 with a decade of defiance. All the world now faces a test, and the United Nations a difficult and defining moment. Are Security Council resolutions to be honored and enforced, or cast aside without consequence? Will the United Nations serve the purpose of its founding, or will it be irrelevant?» 13 . Il resto degli avvenimenti costituiscono l’oggetto del presente lavoro. Qui basterà ricordare che, la sera del 17 marzo, gli Stati Uniti, per bocca del proprio Presidente Bush, lanciarono un ultimatum a Saddam Hussein e alla sua famiglia 14 . Poche ore dopo la scadenza di questo ultimatum, il 20 marzo, il conflitto iniziò ufficialmente. Il 9 aprile l’ambasciatore iracheno alle Nazioni Unite, Mohammed Douri, ammise la sconfitta del regime iracheno. Il 1° maggio 2003 ci fu la dichiarazione di fine delle principali operazioni militari da parte del Presidente Bush, che aprì, in tal modo, la laboriosa e non meno complessa fase di post-conflict peace building. Infine, il 14 dicembre, il governo degli Stati Uniti dichiarò di aver catturato Saddam Hussein. Il rais, fuggiasco per otto mesi, fu trovato in uno scantinato di una fattoria, distante solo 15 km dal suo paese natìo, Tikrit. Sin qui i fatti. I tredici anni di crisi tra l’Iraq baathista e la Comunità internazionale hanno sollevato infiniti dibatti di natura politica, economica, morale, se non anche ideologica. Il recente conflitto ha messo a dura prova non soltanto i rapporti diplomatici degli Stati membri, permanenti e non, del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ma ha anche inciso politicamente negli assetti dell’Alleanza Atlantica, dell’Unione Europea, dei Parlamenti nazionali e dell’opinione pubblica. 13 Citato in M. CARNELOS, La lingua come arma: così i Grandi combattono al Palazzo di Vetro, in LIMES, n° 1/2003, pp. 129-130. 14 Corriere della Sera, 19.03.2003, p. 1. Il testo integrale si trova in Address to the Nation on Iraq, in Weekly Comp. Pres. Doc., n. 39, pp. 338-339 (17.03.2003). Si veda anche Letter to Congressional Leaders Reporting on the Commencement of Military Operations Against Iraq, in Weekly Comp. Pres. Doc. , n. 39, p. 348 (21.03.2003).

Anteprima della Tesi di Daniele Giuseppe Sfregola

Anteprima della tesi: Ius ad bellum e ius in bello nel conflitto tra Stati Uniti e loro alleati contro l'Iraq, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Giuseppe Sfregola Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7650 click dal 20/04/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.