Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche di comunicazione dei prodotti tecnologici dirompenti nel mercato globale. Il caso Jepssen

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 circuiti integrati comincia ad essere seriamente minacciata dagli attacchi dei produttori giapponesi di semiconduttori, Intel si trasforma da produttrice secondaria di Dram nel produttore di microprocessori più forte del mondo. È così che in molti casi avviene la nascita di un prodotto tecnologico dirompente, sospinti da fattori esogeni che minacciano la sopravvivenza. Intel sviluppò il suo primo microprocessore affidandosi ad un produttore giapponese di calcolatori ed una volta realizzato il progetto, il team tecnico della società americana convinse i propri executives ad acquistare il brevetto dal produttore di calcolatori che ne era il titolare 7 . La società non aveva una strategia esplicita per creare un mercato al microprocessore, vendeva il chip a chiunque sembrasse capace di utilizzarlo. Oggi i microprocessori sono un prodotto comune, ma all’epoca della prima introduzione erano una tecnologia dirompente. La loro funzionalità era limitata in relazione alla tecnologia utilizzata nei grandi computer dell’epoca, ma erano piccoli e semplici ed offrivano a costi non proibitivi capacità logiche e di calcolo per applicazioni nelle quali fino allora tali capacità non erano realizzabili. La diffusione del microprocessore fu realizzata da Intel attraverso una serie di tentativi ed errori per cercare la naturale applicazione del processore, che non era conosciuta né dall’azienda né dai consumatori. La scoperta avvenne infatti in questo modo come nel caso della richiesta del microprocessore Intel 8088 che venne scelto da Ibm per il suo computer. L’azienda, inizialmente, ha stilato degli elenchi che contenevano le possibili applicazioni per il microprocessore valutando in termini di volume di vendita , ma per molto tempo non ha inserito tra esse i pc perché non aveva trovato la giusta combinazione di tecnologie e applicazioni. Col senno di poi, l’applicazione dei microprocessori ai pc è ovvia. Ma nel pieno della battaglia competitiva persino la gestione accorta di Intel non avrebbe potuto prevedere, fra le numerose possibili applicazioni dei microprocessori, quale si sarebbe affermata come la più importante e quali volumi e profitti avrebbe consentito. 7 Cfr. McKenna R., Regis Touch

Anteprima della Tesi di Claudio Nicosia

Anteprima della tesi: Le politiche di comunicazione dei prodotti tecnologici dirompenti nel mercato globale. Il caso Jepssen, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Claudio Nicosia Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2258 click dal 20/04/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.