Musica e liuteria nella Toscana dei Lorena

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 loro organizzazione onde evitare cadute di stile e l'avanzare dell'immoralità, il melodramma fu nuovamente il protagonista della Firenze in musica, grazie anche alla creazione di numerosi spazi teatrali (i teatri della Pergola, del Cocomero, di Santa Maria, di Piazza Vecchia, della Pallacorda, di Porta Rossa e anche il piccolo teatro di corte della Villa di Poggio a Caiano, restaurato proprio per volere del Granduca) e alla programmazione di opere di illustri compositori quali, soltanto per citare alcuni nomi, Cherubini, Paisiello, Cimarosa, Mengozzi, Salieri...Anche nell' Ottocento, comunque, nonostante le recensioni dei sempre più numerosi giornali specializzati dell'epoca sembrino disegnare una situazione monopolizzata, nel bene e nel male, dalle coraggiose e patriottiche opere di Giuseppe Verdi (che esordì in Toscana a Lucca nel settembre del 1843 con I Lombardi alla prima crociata), si alternarono altri grandi autori tra i quali spiccano i nomi di Donizetti (esordiente nel 1828 con il grande fiasco de L'Ajo nell'imbarazzo) e di Rossini. Per quanto riguarda la musica strumentale la tesi dimostra come questa fosse attiva a Firenze sia nel Settecento, grazie all'importazione di strumenti a fiato e a percussione dall'Austria e alla creazione di importanti associazioni come la Banda della Real Guardia Palatina, sia nell'Ottocento quando i fiorentini fecero la conoscenza delle musiche di illustri compositori come Haydn e Beethoven attraverso l'attività di moltissimi spazi ricreativi, "auditorium" e società musicali; negli anni '20, infatti, Ferdinando III rifondò la Cappella Musicale, già creata nel 1539 da Cosimo I de'Medici, nel 1825 venne creata la "Società Filarmonica Fiorentina", che esordì al Teatro Goldoni con La creazione di Haydn, nel 1849 la già esistente Scuola Musicale divenne Istituto Musicale, nel 1860 lo stesso venne insignito dell'appellativo regio e nel 1860, infine, venne creata la "Società del Quartetto" promossa dalla Accademia delle Belle Arti,

Anteprima della Tesi di Luca Dal Canto

Anteprima della tesi: Musica e liuteria nella Toscana dei Lorena, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Dal Canto Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1440 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.