Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Musica e liuteria nella Toscana dei Lorena

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 denominata da pochi mesi Accademia Cherubini. Inoltre, oltre alle citate associazioni musicali, la musica poteva essere ascoltata nelle chiese (molto attive per quanto riguarda la musica sacra erano S.S Annunziata, S. Maria del Carmine e S. Gaetano), nei salotti privati (come quelli di Alessandro Kraus e di Giovacchino Giovacchini), nelle sale Ducci, Brizzi, dell'Arte, del Buon Umore e infine nei teatri che, specialmente quello della Pergola, davano l'opportunità di assistere ai saggi degli allievi delle scuole e alle esibizioni di importanti virtuosi (i più famosi che si esibirono a Firenze furono i fratelli Spohr, il violinista Paganini, l'arpista Luigia Pascal e i fratelli Gambati suonatori di tromba). Dopo questi primi due capitoli introduttivi si giunge all'ultima parte della tesi che mira ad analizzare, dopo il primo breve paragrafo sulla storia della famiglia del violino dal Quattrocento fino al XIX secolo, la produzione artigianale di strumenti musicali in Toscana e l'analisi di tredici strumenti di liuteria, costruiti nel periodo lorenese da liutai toscani, presenti nella collezione del Conservatorio L. Cherubini di Firenze. Il paragrafo sulle botteghe di "strumentai" toscani ha essenzialmente l'obiettivo di dimostrare ed esemplificare che anche nella regione presa in considerazione questa branca dell'artigianato fu molto attiva e che quindi la storia degli strumenti musicali della Toscana non è soltanto legata alle vicende della collezione granducale prima medicea e poi lorenese; si dedurrà inoltre che per quanto riguarda la liuteria la regione può vantare anche una vera e propria scuola (già delineata nel tardo Ottocento dall'organologo Valdrighi ma inserita, nel panorama italiano, tra quelle secondarie) con liutai anche molto ricercati che si concentravano innanzitutto a Firenze e, in secondo luogo, a Livorno e a Siena. Due schemi riassuntivi, alla fine del paragrafo, elencano infatti le decine e decine di liutai attivi nel periodo preso in considerazione,

Anteprima della Tesi di Luca Dal Canto

Anteprima della tesi: Musica e liuteria nella Toscana dei Lorena, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Dal Canto Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1438 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.