Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 erano ritrovati con strutture produttive altamente specializzate nella fornitura di materie prime e una dipendenza accentuata dall’Europa per l’acquisto di prodotti finiti. Si passa pertanto da una cooperazione tra CEE e paesi del Nord Africa centrata sugli scambi commerciali negli ani ’70 al primo accordo di associazione euro-mediterraneo firmato dalla Tunisia nel 1995 e in seguito anche da Marocco e Israele. Ci si chiede come mai altri paesi quali Egitto ed Algeria siano ancora in fase di negoziazione e non si siano precipitati anch’essi ad accettare le condizioni di una zona di libero scambio con l’Europa come ha fatto invece la Tunisia. Tra i numerosi motivi vanno citati la maggiore stabilità economica e sociale della Tunisia che la ha resa un partner privilegiato dell’UE e degli organismi internazionali, nonché il fatto che si tratta di un paese di dimensioni limitate che potrebbe diventare l’oggetto di mire espansionistiche di altri vicini più temibili (per esempio la Libia di Gheddafi, basti ricordare i tentavi di destabilizzazione politica da lui promossi in Tunisia a metà degli anni ’70 quando era ancora al potere l’ormai anziano presidente Bourguiba) e la cui politica quindi tende a prediligere un riavvicinamento con le antiche potenze protettrici. Per quanto riguarda invece il processo d’integrazione con il Maghreb, si noterà il fallimento verso cui è destinato fino a che l’Algeria non uscirà dallo stato di crisi multiforme che sta diventando strutturale e rappresenta una minaccia per l’intera area mediterranea. Per di più l’avvicinamento di Marocco e Tunisia all’UE non costituirà un fattore di motivazione per il processo di unificazione regionale del Maghreb, la Mauritania non potrà mai essere una valida sostenitrice, trattasi infatti di un paese semidesertico e scarsamente popolato, mentre la politica imprevedibile di Gheddafi - deluso dai passati tentativi di unione con altri Stati arabi (sono stati effettuati tentativi a turno con Tunisia, Algeria e Marocco) – ultimamente sembra orientata alla creazione dei

Anteprima della Tesi di Alessio Loreti

Anteprima della tesi: Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Loreti Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2420 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.