Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le fonti energetiche rinnovabili. Valutazioni economiche, politiche ed ambientali.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Anche in Italia, dove da ormai molti anni nessun chilowattora di energia elettrica è prodotto tramite l’ausilio del nucleare 5 sono necessarie risorse cospicue per la gestione delle scorie e per il mantenimento in condizioni di massima sicurezza degli impianti nucleari dismessi a seguito del referendum. E’ di interesse sottolineare inoltre che negli U.S.A., in caso di incidente nucleare (problema drammaticamente riemerso nell’estate 2004 a seguito del verificarsi di ben tre incidenti nucleari nello stesso giorno, in Giappone, in altrettante centrali, che hanno causato la morte di quattro operai ed il ferimento di altre sette persone. E’ stato questo l’incidente più grave, in termini di vittime, dell’intera storia dell’industria nucleare nipponica; anche se in termini radiologici l’incidente all’impianto di riprocessamento di Tokai-mura del 1999 resta di gran lunga il più serio con due morti e centinaia di persone contaminate dalla radioattività. Fonte: La Nazione 10 Agosto 2004) la responsabilità finanziaria delle compagnie elettriche è limitata ad un valore pari a solamente 10 miliardi di dollari (Price Anderson Act), valore che, visto in termini assoluti, rappresenta una cifra ingente, ma che rappresenta solo una piccola parte di quello che potrebbe costare un incidente nucleare di rilevanti dimensioni. La ragione avanzata dalle amministrazioni statunitensi al fine di rinnovare l’atto è che, senza il Price Anderson Act, nessuno più effettuerebbe investimenti nel campo nucleare; tutto ciò ci mostra quanto scarsa sia la competitività economica della tecnologia nucleare. 5 In Italia il nucleare è stato soppresso tramite un referendum popolare l’8 novembre 1987 per mezzo del quale circa l’80% degli italiani che si recarono al voto, probabilmente sull’onda emotiva di quanto successo a Chernobyl, disse no al nucleare. Fonte: www.zonanucleare.atspace.com.

Anteprima della Tesi di Filippo Mazzei

Anteprima della tesi: Le fonti energetiche rinnovabili. Valutazioni economiche, politiche ed ambientali., Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Filippo Mazzei Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 26588 click dal 22/04/2005.

 

Consultata integralmente 106 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.