Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ridere per far bene a se stessi o per far ridere gli altri? L'umorismo nella clownterapia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 il senso dello humor come il risultato della visione e percezione realistica del mondo, lo considera come una forma di attività della mente in determinate condizioni ormonali o neuro ormonali dell’organismo. Egli ritiene sia possibile acquisirlo giocando con il nostro Io e con le sue pretese, non prendendoci troppo sul serio e sviluppando il senso di autoironia. Il senso dello humor, liberando il nostro sistema percettivo dalla deformazione e dalle inibizioni create dall’eccessiva serietà, ci permetterebbe di osservare l’umanità nella sua nudità, aiutandoci a capire che una buona parte di ridicolo è contenuta in quella sofferenza umana e disperazione che nascono dalla pretesa d’inseguire un illusorio dover essere. Solo poche persone riescono a raggiungere tale prospettiva, dalla quale molte debolezze degli uomini sono viste come una commedia; esse sono dotate di una spiccata capacità analitica e riescono a comprendere le contraddizioni dei loro simili senza perdere la simpatia e la stima per essi. L’ umorismo mantiene viva l’attività logica del cervello pur liberando il nostro ragionamento razionale e realistico dalle minacce del pensiero illusorio rendendoci immuni da ideologie e pregiudizi, e permettendoci di essere liberi dallo stress e dalle frustrazioni; inoltre essendo contagioso può creare un’atmosfera salutare di intimità e vicinanza. Raymond (1977) teorizza l’esistenza di sei significati per intendere che qualcuno ha senso dell’umorismo e li descrive dal più generale al più particolare (che è anche quello che centra in pieno cosa egli intende per senso dell’umorismo). 1) SIGNIFICATO: “SI RENDE CONTO DI QUANTO IO SIA DIVERTENTE” Se dico che un’altra persona ha senso dello humor, posso intendere che mi riesce di farla ridere.

Anteprima della Tesi di Andreina Rossitto

Anteprima della tesi: Ridere per far bene a se stessi o per far ridere gli altri? L'umorismo nella clownterapia, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Andreina Rossitto Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12619 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.