Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ridere per far bene a se stessi o per far ridere gli altri? L'umorismo nella clownterapia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 mondo. Gli effetti benefici che ha sulla psiche e sul fisico sono innumerevoli, molti studi fatti a riguardo possono confermare quest’affermazione. Già Freud (1905) aveva parlato nei suoi libri della connessione che esso ha con il risparmio energetico e del suo effetto liberatorio. Tali aspetti dell’umorismo sono stati in seguito approfonditi da altri studiosi, che ne hanno dato le spiegazioni più disparate, per comprendere apprendere quali meccanismi (consci ed inconsci) sottostanno alla produzione di umorismo, inducendo allo scoppio delle risa. Il riso smette di essere solo “sulla bocca degli stolti”, uscendo dall’anonimato, a partire dagli anni ‘70, periodo nel quale vennero rese note le prime scoperte nel campo; nacque così la geleotologia disciplina che studia la relazione che c’è tra il riso e la salute. “Il riso fa buon sangue” non era più un detto come un altro, ma diveniva una frase avente un fondamento scientifico. I risultati positivi hanno indotto alcune persone a muoversi perché questa nuova conoscenza potesse essere utilizzata per migliorare la qualità della vita soprattutto nelle persone sofferenti. Per questa motivazione Hunter Adams (più noto come Patch Adams) allora aspirante dottore, ha dato inizio ad una serie di visite buffe in ospedale creando la così detta clownterapia, diffusasi nel giro di una decina di anni in tutto il mondo. Migliaia di clown si aggirano in tutti gli ospedali del mondo cercando di strappare un sorriso agli utenti (degli ospedali, delle case di riposo, degli istituti d’igiene mentale, ecc.) ma anche ai loro familiari ed al personale ospedaliero, utilizzando l’umorismo e la comicità che c’è in loro. La domanda intorno alla quale ruota il lavoro di tesi e della quale ho fatto un accenno in questa breve introduzione riguarda proprio questi clown-dottori che si trovano a scegliere di portare un

Anteprima della Tesi di Andreina Rossitto

Anteprima della tesi: Ridere per far bene a se stessi o per far ridere gli altri? L'umorismo nella clownterapia, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Andreina Rossitto Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12619 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.