Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evidenza empirica sul Value at Risk

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 7) RISCHIO DI REPUTAZIONE. E’ dovuto alla possibilità di perdita di reputazione per l’intermediario, causata da comportamenti non professionali o a errori dei propri dipendenti. Tra tutte le tipologie di rischio indicate dal Comitato di Basilea e dallo IOSCO, i rischi di credito e quelli di mercato rivestono una natura sostanzialmente diversa dai rimanenti; infatti quando un’organizzazione decide di entrare nei mercati finanziari per sviluppare il proprio business, quello che effettivamente fa è assumersi dei rischi di mercato e dei rischi di credito. Viene assunta una posizione su un certo asset perché si ha la convinzione che si potrà ricavare un beneficio dalle fluttuazioni di prezzo del mercato dello stesso asset ; gli investitori dunque, si assumono rischi di mercato e rischi di credito con l’aspettativa di ottenere un guadagno in futuro. Per quanto concerne le altre tipologie di rischio, vale un discorso completamente diverso: nessuno infatti si assume rischi legali o di altro tipo con la convinzione che questi possano poi generare dei guadagni.

Anteprima della Tesi di Edoardo Cingolani

Anteprima della tesi: Evidenza empirica sul Value at Risk, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Edoardo Cingolani Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6725 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.