Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La diplomazia francese e la questione tedesca dalla nascita della Repubblica Federale agli accordi di Bonn e di Parigi 1949-1952

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Tra marzo e la fine di giugno del 1951 si svolgeva a Parigi la conferenza preparatoria dei Supplenti dei ministri degli Esteri dei “quattro”, sciolta dopo le elezioni francesi del 17 giugno sebbene già da tempo fosse chiaro che non si sarebbe ottenuto alcun risultato, ma tale esito deludente non attenuava le pressioni sovietiche per impedire l’integrazione del governo di Bonn al blocco occidentale. A partire dalla metà di settembre, e lungo l’intero arco di tempo qui considerato, una serie di iniziative, culminate con la nota di Stalin del 10 marzo 1952, cercavano di interrompere il processo di integrazione europea agitando lo spettro dell’unità tedesca e ostacolando le scelte politiche operate dal cancelliere Adenauer di adesione al fronte occidentale. Gli eventi presentati mettono in luce l’ambiguità dell’evoluzione registratasi nei rapporti franco-tedeschi, che spesso apparivano obbligati a seguire più gli imperativi dettati dalla situazione prodottasi sullo scenario internazionale che le reali convinzioni dei fautori di una tale politica, come appare evidente in primo luogo dalla fitta corrispondenza di François-Poncet, principale esecutore della politica adottata da Robert Schuman in qualità di Alto Commissario francese nella Repubblica Federale, con la Direzione Europa del Quai d’Orsay, e altresì dall’analisi delle opere di autori che svolsero un ruolo politico di primo piano negli eventi in questione. Una tale constatazione non vuole in ogni caso oscurare i meriti indiscussi di Robert Schuman che seppe condurre, assumendosene la completa responsabilità, una politica di cooperazione con l’ex nemico per certi

Anteprima della Tesi di Angelo Rosario Sciotto

Anteprima della tesi: La diplomazia francese e la questione tedesca dalla nascita della Repubblica Federale agli accordi di Bonn e di Parigi 1949-1952, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Angelo Rosario Sciotto Contatta »

Composta da 332 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 957 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.