Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione della cooperazione giuridica UE-ACP da Lomé a Cotonou

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 forti rivendicazioni da parte dei paesi usciti dal processo di decolonizzazione: non a caso l�art. 2 dell�Accordo di Georgetown inserisce tra gli obiettivi da perseguire, da parte paesi ACP nell�ambito della Convenzione di Lom�, quello di �promuovere l�instaurazione di un nuovo ordine economico mondiale�. Parole che riecheggiano le posizioni prese dall�assemblea dell�UNCTAD 11 nel corso degli anni sessanta, quando questo organismo portava avanti le rivendicazioni dei paesi in via di sviluppo che venivano raccolte nello slogan �Trade, not aid�. Questi paesi erano da un lato costretti ad appoggiarsi agli aiuti economici per sostenere la propria economia, ma dall�altro rivendicavano la possibilit� di utilizzare il commercio internazionale come strumento di sviluppo. La risoluzione 1707 dell�Assemblea Generale delle Nazioni Unite, del 19 dicembre 1961, definiva il commercio come �lo strumento principale dello sviluppo�. Negli anni settanta il commercio, da solo, non era pi� ritenuto sufficiente per perseguire lo sviluppo: il nuovo ordine economico internazionale doveva basarsi sulle preferenze non reciproche a favore dei paesi meno avanzati. Questo nuovo concetto delle preferenze generalizzate verso i paesi in via di sviluppo veniva espresso dalla nota �Carta dei diritti e dei doveri economici degli stati� del 1974 12 , dove 11 L�UNCTAD � la Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (United Nations Conference on Trade and Development). � stato creato a Ginevra nel 1964, con l�obiettivo di creare un forum mondiale dove discutere ed affrontare i problemi del sotto-sviluppo. Negli anni sessanta il processo di decolonizzazione ha fatto s� che i paesi in via di sviluppo divenissero la maggioranza nell�Assemblea Generale delle Nazioni Unite, come anche nell�UNCTAD e in altre sedi. In quel contesto storico, proprio l�UNCTAD ha rappresentato la sede del dibattito Nord-Sud per la creazione di un nuovo ordine economico internazionale, pi� vicino alle esigenze dei paesi meno avanzati. All�UNCTAD � nata l�idea di creare un sistema delle preferenze generalizzate (1968), � stato identificato il gruppo dei paesi meno sviluppati, LDCs (1971) ed � stato proposto ai paesi industrializzati l�obiettivo di arrivare a devolvere lo 0,7% del PIL ai paesi mano avanzati (1970). Oggi l�UNCTAD lavora per creare un ambiente commerciale internazionale pi� idoneo alle necessit� dello sviluppo; numerose informazioni sull�UNCTAD e sulle sue attivit� sono disponili sul sito www.unctad.org. 12 Contenuta nella risoluzione dell�Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 12.12.1974, n� 3281.

Anteprima della Tesi di Nives Maria Ester Costa

Anteprima della tesi: L'evoluzione della cooperazione giuridica UE-ACP da Lomé a Cotonou, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Nives Maria Ester Costa Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3127 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.