Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le vie delle merci ed i percorsi dell'arte tra l'India e il Meridione d'Italia dall'Antichità al Medioevo. Studio mirato sul gioiello.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 desertiche, ma, soprattutto, per sottolineare l’incredibile ricchezza del paese. Da questo prospero territorio venivano importate merci rare dai prezzi esosi, quali spezie e piante aromatiche, citate nei testi di numerosi autori classici; Teofrasto, Strabone, Dioscoride e Plinio descrivono, infatti, i principali prodotti della penisola arabica, come il balsamo, l’incenso e la mirra, molto ricercati in Occidente. I Romani indubbiamente conobbero tramite gli Alessandrini le vie per il traffico commerciale con l’Asia centrale e con la Cina, attraverso i valichi dell’Himalaya, facendo capo a Batta, importante città dell’Afghanistan, a sud del fiume Oxus, nodo stradale centrale di tutto il commercio asiatico. Inoltre, vi erano strade che giungevano dall’Estremo Oriente cinese sino a Batta, dove si collegavano con i percorsi provenienti dalla valle del Gange, dalla costa occidentale dell’India, da Palmira 10 e da Carace, sul Golfo Persico. 10 La città di Palmira, grazie alla sua funzione di centro commerciale nel deserto siriano, accumulò ingenti ricchezze, che le permisero di edificare magnifici edifici pubblici, finché non fu soggiogata nel 272 d. C. dall’imperatore Aureliano.

Anteprima della Tesi di Emanuela De Luca

Anteprima della tesi: Le vie delle merci ed i percorsi dell'arte tra l'India e il Meridione d'Italia dall'Antichità al Medioevo. Studio mirato sul gioiello., Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Emanuela De Luca Contatta »

Composta da 255 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3560 click dal 27/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.