Le vie delle merci ed i percorsi dell'arte tra l'India e il Meridione d'Italia dall'Antichità al Medioevo. Studio mirato sul gioiello.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Lungo i percorsi carovanieri e marittimi eurasiatici vi erano numerosi empori, dove le materie grezze venivano raccolte, controllate, classificate e distribuite ai centri di manifattura. L’emporio aveva diverse caratteristiche geografiche essenziali; non bastava, infatti, una biforcazione o una congiunzione di strade per far sorgere un mercato, ma poteva essere situato, come a Tiro, su un’isola, a scopo di difesa, sull’estremità di una penisola, come il Samara Emporium (l’odierna Singapore), luogo di passaggio obbligato delle principali rotte marittime, o in un’area circostante le foci di grandi fiumi, quali il Gange, il Tanis (Don), il Tigri, l’Eufrate e il Nilo. Importanti empori erano collocati in India, sulle foci del Gange, nella regione attorno a Taxila e in Damirica, la regione dei regni dei Tamil nel Sud, e nell’Arabia meridionale, dove una serie di regni indipendenti controllavano la cosiddetta “Via dell’Incenso”, monopolizzando i traffici dell’Oceano Indiano.

Anteprima della Tesi di Emanuela De Luca

Anteprima della tesi: Le vie delle merci ed i percorsi dell'arte tra l'India e il Meridione d'Italia dall'Antichità al Medioevo. Studio mirato sul gioiello., Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Emanuela De Luca Contatta »

Composta da 255 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3566 click dal 27/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.