Tecniche per la misurazione del Rischio negli istituti Finanziari: il caso della BNL

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Si possono quindi effettuare delle scelte su basi quantitative essendo conosciute a priori le probabilità dello scostamento rispetto al valore atteso. La possibilità che si verifichi tale scostamento viene appunto definito “rischio”. Un operatore che in ambito economico dovrà compiere delle scelte dovrà individuare delle distribuzioni di probabilità che dipendono almeno in parte da elementi di soggettività 2 , quindi anche se in presenza dello stesso evento le decisioni prese saranno differenti da operatore ad operatore. Si possono avere differenti atteggiamenti di fronte al rischio: • Propensione, è sicuramente il comportamento più raro. L’investitore è propenso a minimizzare le perdite e a massimizzare l’utilità attesa dei profitti, basandosi su un rapporto sfavorevole rischio/rendimento. • Neutralità, l’operatore prende le sue scelte in base alla pura speranza matematica dei profitti. L’investitore passerà da un investimento all’altro seguendo il rapporto rischio/rendimento, accettando incrementi di rischio solo se combinati ad incrementi di rendimento atteso, in modo tale da aumentare la speranza matematica. • Avversione, atteggiamento tipico degli operatori che preferiscono rendimenti attesi, anche se bassi, ma abbinati ad un rischio altrettanto basso. In questo casi gli investitori saranno disposti ad accettare un aumento del rischio solo se il rendimento atteso aumenta più che proporzionalmente. Concludendo ogni volta che un operatore deve prendere delle decisioni non si baserà esclusivamente sui valori matematici, ma varierà le 2 In una pubblicazione del 1951 di K.J. Arrow, “Alternative Approaches to the Teory of Choice in Risk-Taking Situation”, si pone l’attenzione sul fatto che prendere delle decisioni sia un fatto soggettivo poiché dipende dalle informazioni a disposizione, dalle condizioni personali e dalle preferenze di colui che le prende. 9

Anteprima della Tesi di Daniele Belsito

Anteprima della tesi: Tecniche per la misurazione del Rischio negli istituti Finanziari: il caso della BNL, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Belsito Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4162 click dal 06/05/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.