Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I modelli competitivi del settore automobilistico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 L’attività di impresa mira a creare valore per il consumatore attraverso la produzione (trasformando gli input in output) o attraverso l’arbitraggio (trasferendo i prodotti nel tempo o nello spazio). Questa creazione di valore richiede che il prezzo che il cliente è disposto a pagare ecceda i costi sostenuti dall’impresa. Tuttavia la creazione di valore non si traduce direttamente in profitto. L’eccedenza del valore sul costo è distribuita tra i clienti e i produttori dal gioco delle forze competitive: più è accesa la concorrenza tra i produttori, più il prezzo pagato dai consumatori è effettivamente inferiore rispetto al prezzo massimo che sarebbero stati disposti a pagare. Inoltre, quando un settore ha fornitori con forte potere contrattuale (es. fornitori che agiscono in monopolio) allora una parte sostanziale del possibile surplus può essere acquisito proprio da tali fornitori. I profitti realizzati dalle imprese del settore sono dunque determinati da tre fattori: • il valore del prodotto o del servizio per il consumatore • l’intensità della concorrenza • il potere contrattuale relativo nei diversi livelli della catena produttiva Riepilogando, dall’analisi dell’ambiente settoriale, emergono due tipi di forze in grado di interagire con il settore, gli agenti esterni e gli agenti interni. I primi possono essere determinanti per gli effetti sulle opportunità e sulle minacce che l’impresa affronterà in futuro. Il problema fondamentale è la determinazione dell’impatto che questi fattori determinano sull’impresa. I secondi, invece, hanno un peso ben più rilevante poiché sono in grado di determinare la redditività del settore. I fattori del nucleo interno, però, non sono gli unici agenti capaci di influenzare la redditività. Essi infatti interagiscono con un’altra grandezza capace, anche se solo in parte, di influirla. Questa dimensione è la struttura del settore.

Anteprima della Tesi di Massimo Costa

Anteprima della tesi: I modelli competitivi del settore automobilistico, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimo Costa Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11280 click dal 29/04/2005.

 

Consultata integralmente 45 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.