Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodi di simulazione per la ricostruzione degli incidenti stradali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Tab. 1-3: Circostanze cause di incidenti stradali nell’anno 1999 Incidenti CIRCOSTANZE PRESUNTE Numero % Morti Feriti Procedeva con guida distratta o andamento indeciso 38.895 17,8 1.151 56.435 Procedeva con eccesso di velocità 26.770 12,2 1.430 40.437 Per inconvenienti di circolazione concomitanti 26.320 12,0 778 40.241 Procedeva senza mantenere la distanza di sicurezza 25.032 11,4 323 38.067 Procedeva senza rispettare il segnale di dare precedenza 12.571 5,7 107 18.000 Procedeva senza dare la precedenza al veicolo proveniente da destra 11.674 5,3 62 16.765 Procedeva senza rispettare lo stop 11.581 5,3 144 16.868 Procedeva contromano 6.329 2,9 421 10.491 Attraversava la strada irregolarmente 4.380 2,0 219 4.984 Altri 55.480 25,3 1.996 74.293 Totale 219.032 100,0 6.633 316.581 Fonte: ISTAT Il fattore umano è, pertanto, alla base mediamente del 90% dei sinistri con gravi conseguenze. Data la rilevante incidenza del comportamento umano sulle cause che provocano un incidente stradale, è di fondamentale importanza disporre di strumenti conoscitivi che possano essere, principalmente in sede giudiziaria, un valido supporto al tecnico ricostruttore chiamato, in qualità di C.T.U. (Consulente Tecnico d’Ufficio) o di C.T.P. (Consulente Tecnico di Parte), a ricostruire la dinamica dell’incidente, risalendo alla successione di avvenimenti che ne è stata causa e fornendo così all’autorità giudiziaria o alla parte una solida base tecnica su cui costruire una sentenza o un ricorso. Attività dell’ingegnere ricostruttore. Il lavoro dell’ingegnere incaricato di ricostruire la dinamica di un sinistro consiste nell’acquisire tutti i possibili dati a disposizione per poi poter applicare gli opportuni modelli fisico-matematici e stabilire cause e responsabilità. Già nella fase preliminare si riscontrano le prime difficoltà: le informazioni inizialmente disponibili riguardano la posizione finale assunta dai veicoli dopo l’urto ed eventuali tracce da essi lasciate sulla sede stradale o su infrastrutture ed oggetti circostanti. Tali

Anteprima della Tesi di Antonio Gargasole

Anteprima della tesi: Metodi di simulazione per la ricostruzione degli incidenti stradali, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Antonio Gargasole Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13757 click dal 04/05/2005.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.