Metodi di simulazione per la ricostruzione degli incidenti stradali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

consentono un totale supporto all’attività di chi è interessato allo studio dell’infortunistica stradale. Proprio perché la possibile utenza si è, di conseguenza, estesa comprendendo categorie non potenzialmente dotate della sufficiente cultura tecnico-scientifica, diventa rilevante il rischio di un uso improprio di tali strumenti, data anche la loro sempre crescente varietà e disponibilità sul mercato. Possono essere individuate quattro principali tipologie di programmi impiegati nel campo dell’infortunistica stradale: 1. Fotogrammetria; 2. CAD e grafica; 3. Dinamica del veicolo; 4. Dinamica e simulazione dell’impatto [5]. Alla base di un corretto impiego di qualsiasi risorsa software, è fondamentale che ci sia sempre il rispetto delle condizioni previste per l’utilizzo del singolo programma. L’accuratezza dell’acquisizione dei dati iniziali che dovranno poi essere elaborati è un altro requisito in ogni caso indispensabile. 1. Fotogrammetria Tale procedimento consiste nell’elaborazione digitale bidimensionale di immagini fotografiche che permette di trasformare in pianta la rappresentazione prospettica dei luoghi. In questo modo è sempre possibile ricavare misure dalla scena dell’incidente senza che sia necessario il rilievo fisico sul luogo stesso. L’applicazione di tale tecnica permette, inoltre, di evitare il blocco della circolazione altrimenti necessario per il rilevamento delle misure sul posto. Le informazioni assunte digitalmente possono poi essere rese disponibili per i programmi di elaborazione grafica della scena del sinistro e per i programmi di ricostruzione della dinamica dello stesso. Di seguito è fornita una panoramica su questo tipo di software: SVS – Skymax Vision System Skymax DG s.c.r.l. (Italia) www.skymax-dg.com/svs.html Suite sviluppata da un’azienda italiana adatta a rilevare scene anche molto complesse. I punti campionati e le relative distanze possono essere esportati in formati compatibili com altri programmi, ad esempio, Autocad, per produrre planimetrie e mappe. E’ possibile inoltre generare un modello tridimensionale dello scenario. Un apposito modulo permette di creare un documento finale dei risultati ottenuti.

Anteprima della Tesi di Antonio Gargasole

Anteprima della tesi: Metodi di simulazione per la ricostruzione degli incidenti stradali, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Antonio Gargasole Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13809 click dal 04/05/2005.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.