Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto d'autore in Internet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il diritto d’autore Capitolo I 14 quest’ultima poteva aversi soltanto attraverso l’apprendimento mnemonico, basato sulla recitazione costante e reiterata. L’impossibilità di identificare, con esattezza, un originale, rendeva del tutto inutile ogni regolamentazione. Gli antichi non prevedevano forme di tutela nei confronti della proprietà intellettuale: le opere di Omero venivano trascritte e, inevitabilmente, ogni trascrizione comportava trasformazioni, manipolazioni, cambiamenti. Eppure, questo processo non veniva considerato un illecito: infatti, per gli antichi Greci l'immortalità corrispondeva al ricordo, al fatto che, dopo la morte, le nuove generazioni potessero continuare ad emozionarsi di fronte alle liriche del Poeta, a prescindere dal fatto che il contenuto dell’opera fosse stato o meno manipolato. Nell'antica Roma agli autori non venivano riconosciuti necessariamente i diritti patrimoniali sull’opera, dato che, una volta pubblicata, l'opera si identifi-cava con il supporto materiale e, pertanto, i diritti patrimoniali venivano riconosciuti a chi avesse acquistato il manoscritto o lo avesse realizzali inserendovi l'opera di altri. Nonostante ciò, era già possibile qualificare come illecite le condotte corrispondenti al plagio. In particolare, veniva riconosciuto il diritto all’inedito, che veniva tutelato attraverso l’actio iniuriarum aestimatoria. Grazie all’avvento della scrittura si giunse per la prima volta alla definizione del concetto di opera compiuta e, di conseguenza, di autore. Da questo momento il testo e la sua rappresentazione sono due momenti distinti e diversi. L’invenzione della stampa a caratteri mobili da parte di Johannes Guttember intorno al 1450 segnò un profondo cambiamento nel mondo occidentale. Il destino dell’opera si scompone ulteriormente: dalla mente dell’autore passa alla penna del trascrittore e, da questa allo stampatore. È nel secolo XV che, con l'avvento della stampa a caratteri mobili, si avverte l'esigenza di riconoscere ad editori ed autori talune tutele; si affermano i privilegi, che venivano rilasciati dal sovrano agli stampatori, assieme all'imprimatur concesso da una forma di censura

Anteprima della Tesi di Stefano Chiantera

Anteprima della tesi: Il diritto d'autore in Internet, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Stefano Chiantera Contatta »

Composta da 274 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13268 click dal 02/05/2005.

 

Consultata integralmente 67 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.