Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto d'autore in Internet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il diritto d’autore Capitolo I 15 preventiva 2 . Accanto ai privilegi, veniva riconosciuto all'autore il diritto di poter pubblicare la propria opera ed incominciava ad affermarsi il concetto di diritto di esclusiva. Nel secolo XVIII, si svilupparono le prime normative nazionali in tema di diritto d'autore, a partire dall'Editto emanato dalla regina Anna d'Inghilterra nel 1709, fino a giungere alla disciplina organica prevista dalle leggi francesi in tema di proprietà letteraria ed artistica emanate nel 1791 e nel 1793. La prima legge che disciplinò in modo organico la tutela della proprietà intellettuale nel Regno d'Italia fu emanata nel 1865 e successivamente inserita nel testo unico 19 settembre 1881, n. 1012. La seconda metà del XX secolo è stata teatro di una vera e propria rivoluzione. Il computer ha reso possibile compiere e progettare in tempi e modi assolutamente impensabili per qualsiasi essere umano, attività prima impossibili. Una svolta epocale nella fruizione delle opere dell'ingegno, che può essere pari a quella dell'invenzione della stampa, è determinata dalla digitalizzazione. L'opera, scorporata dal supporto fisico tradizionale, è trasformata in un flusso di numeri (sequenze di 0 e di 1) che sono trasmessi in qualsiasi modo e in qualsiasi luogo, e permettono di ricostruirla in maniera identica all'originale. Si verifica così una trasmissione di massa dell'opera a costi bassissimi, se non nulli (anche di immagazzinamento), senza perdita di qualità. La trasmissione può avere luogo non solo da punto a massa, come succede per esempio con la trasmissione dei programmi televisivi via etere, ma anche da punto a punto. L’opera è fruibile senza che l'utente sia in qualche modo obbligato a recarsi fisicamente nei luoghi tradizionali della cultura (negozi di libri o di dischi, cinema, teatro, concerto, e così via), ricevendola direttamente sul terminale abilitato (telefono, palmare, computer, e altro). L'opera è fruita nel luogo e nel momento scelto dal consumatore. 2 Si veda la voce “Diritto d’autore” a cura di L. C. UBERTAZZI – Digesto delle discipline priva-tistiche, sez. comm., Torino, 1989, vol. IV, pagg. 364 e ss.

Anteprima della Tesi di Stefano Chiantera

Anteprima della tesi: Il diritto d'autore in Internet, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Stefano Chiantera Contatta »

Composta da 274 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13268 click dal 02/05/2005.

 

Consultata integralmente 67 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.