Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I contratti d'appalto di opere pubbliche: profili problematici attinenti alle ipotesi di invalidità e nuove prospettive nel risarcimento del danno alle imprese.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Evitando, per ovvie ragioni, di entrare nel merito dei profili prettamente processualistici della vicenda, non resta che prendere atto che la sentenza in esame si astiene dall’analisi del disposto dell’art. 1418 c.c., (invocato dai ricorrenti), “sul quale pur si fonda l’orientamento che esclude che la disciplina dell’annullabilità possa avere applicazione al di fuori delle ipotesi espressamente previste dal legislatore”(6). Il principio che si ricava, dunque, dall’esame della giurisprudenza civile, è quello per cui gli atti amministrativi, che precedono la stipulazione del contratto, sono volti alla corretta formazione della volontà contrattuale dell’ente pubblico, con la conseguenza che i vizi attinenti a tali atti, ove ne determinano l’annullamento, in via giurisdizionale o amministrativa, si ripercuotono sul contratto già stipulato solo in termini di annullabilità. Conseguentemente é rimessa alla esclusiva iniziativa dell’ente pubblico la proposizione dell’azione di annullamento innanzi al giudice ordinario, al fine di ottenere una pronuncia costitutiva che annulli l’atto negoziale. Soltanto la p.a., infatti, essendo essa la parte nel cui interesse l’annullamento é previsto dalla legge, sarebbe legittimata ad agire innanzi al g.o. (che ha giurisdizione sugli atti negoziali in quanto fonti di diritti soggettivi) ai sensi dell’art. 1441, comma 1, cod. civ.. Coerentemente a quest’impostazione, la citata sentenza n. 2842/’96 riconosce alla p.a. il potere di convalidare il contratto viziato ex art. 1444 cod. civ.. Diversamente si atteggia la fattispecie nel caso in cui manchi l’approvazione del contratto ad opera del competente organo amministrativo di controllo. (6) Ugo Salanitro, commento a Cass., 8/5/1996, n. 4269 in “Nuova giurisprudenza della corte di Cassazione”, I,1997, 521.

Anteprima della Tesi di Francesca Familiari

Anteprima della tesi: I contratti d'appalto di opere pubbliche: profili problematici attinenti alle ipotesi di invalidità e nuove prospettive nel risarcimento del danno alle imprese., Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Familiari Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3925 click dal 05/05/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.