Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I contratti d'appalto di opere pubbliche: profili problematici attinenti alle ipotesi di invalidità e nuove prospettive nel risarcimento del danno alle imprese.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 La necessità di risolvere una contraddizione di tal fatta, e di evitare che attraverso l’impiego di strumenti privatistici la p.a. possa sostanzialmente eludere i meccanismi di controllo funzionale sull’atto amministrativo e il rispetto del principio di legalità, ha indotto la dottrina a diverse ricostruzioni dogmatiche, entro cui inquadrare l’attività contrattuale degli enti pubblici, quali il modello dell’evidenza pubblica e il contratto di diritto pubblico. Quest’ultimo si identifica in una fattispecie contrattuale che, pur presentando rilevanti similitudini con il contratto di diritto privato, se ne differenzia per altri aspetti, quali l’oggetto contrattuale, che è un bene nella sola disponibilità della parte pubblica; la presenza di clausole contrattuali che sanciscono una posizione predominante della p.a. (si pensi alla previsione, ricorrente, di uno jus poenitendi a tutto vantaggio dell’amministrazione); la natura pubblicistica di una delle parti contrattuali. Molteplici perplessità sono state avanzate in sede dottrinale in ordine all’ammissibilità di una tale figura contrattuale, perplessità che ben possono riassumersi nella discussa compatibilità logica tra potestà discrezionale amministrativa, vincolata al perseguimento dell’interesse pubblico, e autonomia contrattuale, e che esprimono, in ultima analisi, la convinzione aprioristica che il pubblico interesse, cui è funzionalizzata l’attività amministrativa, possa essere perseguito solo attraverso decisioni unilaterali e autoritative della parte pubblica, e mai attraverso lo strumento contrattuale(3). Sembra, tuttavia, che un tal modo di procedere muova da presupposti del tutto concettualistici e mal si concilia con il ruolo del giurista in un ordinamento positivo. (3) Per l’analisi della quérelle circa la configurabilità di un contratto di diritto pubblico: G. Falcon, “ Le convenzioni pubblicistiche. Ammissibilità e caratteri “, Milano, 1984, 71-203; F. Ledda, “Il problema del contratto nel diritto amministrativo”, Torino, 1965, 25 ss.; Bruti Liberati, “ Consenso e funzione nei contratti di diritto pubblico tra amministrazioni e privati”, Milano, 1996, 80 ss.

Anteprima della Tesi di Francesca Familiari

Anteprima della tesi: I contratti d'appalto di opere pubbliche: profili problematici attinenti alle ipotesi di invalidità e nuove prospettive nel risarcimento del danno alle imprese., Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Familiari Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3925 click dal 05/05/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.