Skip to content

La guerra del Vietnam nel 1966: tra escalation e tentativi di pace

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Il segretario di Stato Dean Rusk e l’assistente speciale del presidente per gli Affari di Sicurezza Nazionale McGeorge Bundy, erano inizialmente scettici riguardo alla proposta di McNamara. Rusk, in particolare, temeva che Hanoi potesse avvantaggiarsi di una sospensione dei bombardamenti portando avanti indefinitamente una strategia di fight and talk; i comunisti, a suo modo di vedere, avrebbero tenuto ostaggi gli americani attraverso la minaccia di abbandonare le trattative se i bombardamenti fossero ricominciati 13 . A dicembre sia Rusk che Bundy avevano però già “ammorbidito” la propria linea, probabilmente anche a causa della possibilità, avallata dalle dichiarazioni dell’ambasciatore sovietico a Washington Anatoly Dobrynin, che, nell’ambito di una pausa, l’URSS avrebbe potuto utilizzare la propria influenza sulla DRV per incoraggiare le negoziazioni; l’Unione Sovietica, infatti, pur sostenendo Hanoi attraverso l’invio di materiale bellico, non voleva un confronto diretto con gli Stati Uniti sul Vietnam 14 . Un altro motivo favorevole alla sospensione era che, se anche i sovietici avessero fallito nella loro mediazione, una simile mossa diplomatica avrebbe intensificato il dissenso tra Mosca e Pechino 15 . Il sottosegretario di Stato George Ball era favorevole ad un’interruzione dei bombardamenti ma pensava che questo dovesse costituire soltanto il primo passo di un graduale disimpegno in Vietnam 16 . Egli sosteneva che il programma di bombardamento avesse avuto fino ad allora conseguenze estremamente negative, inasprendo gli animi del governo e della popolazione nordvietnamita; esso perciò doveva essere terminato del tutto, raddoppiando, semmai, gli sforzi per la ground war nel Sud. I Joint Chiefs of Staff(JCS), invece, erano nettamente contrari alla pausa e manifestavano una forte preoccupazione per l’impatto militare di una sospensione che avrebbe portato all’intensificarsi dell’infiltrazione di uomini e di materiali nel Sud, così come già era avvenuto durante Mayflower, la pausa di 6 giorni del maggio ’65. Essi sottolineavano anche la possibilità che l’atteggiamento degli Stati Uniti potesse venire interpretato dal nemico come un segnale di debolezza 17 . Il presidente, scettico fin dall’inizio, rimase dubbioso fino alla decisione finale, soppesando in continuazione le diverse argomentazioni pro e contro la pausa; Johnson condivideva le stesse preoccupazioni dei capi di stato maggiore e temeva, inoltre, che una pausa avrebbe provocato sfiducia negli alleati, sconforto tra i soldati e malcontento nell’apparato militare 18 . Alla fine, comunque, si convinse che gli Stati Uniti non avrebbero avuto niente da perdere in quanto, qualora Hanoi non avesse fornito una risposta soddisfacente all’apertura, si sarebbe potuto decidere di riprendere i bombardamenti in qualsiasi momento; in ogni caso la posizione degli Stati Uniti sarebbe uscita rafforzata agli occhi dell’opinione pubblica. Influenti sulla decisione del presidente furono sicuramente anche le dichiarazioni del ministro degli esteri ungherese Janos Peter il quale aveva affermato che Hanoi avrebbe risposto positivamente a delle trattative se gli Stati Uniti avessero sospeso i bombardamenti 19 . Il 24 dicembre 1965 ebbe inizio una tregua di Natale della durata di 30 ore, stabilita in accordo col governo di Saigon, che prevedeva la sospensione senza termine prefissato dei bombardamenti a nord del 17° parallelo ed un rallentamento delle operazioni militari nel Vietnam del Sud; il giorno seguente ricominciarono le operazioni al sud ma non i bombardamenti. Soltanto il 27 Johnson decise di continuare la pausa dapprima per una settimana e poi a tempo indeterminato, dando così inizio ufficialmente all’offensiva di pace 20 . 13 Gardner, op. cit., p. 271. 14 Donald S. Zagoria, Vietnam triangle: Moscow, Peking, Hanoi, New York, Pegasus, 1968, pp. 27-30; vedi anche “Developing an Alliance: The Soviet Union and Vietnam, 1954-75” di Ilya V. Gaiduk, in Peter Lowe, edited by, The Vietnam War, Houndmills, MacMillan, 1998, pp. 133-151. 15 Gardner, op. cit., p. 275. 16 Vandiver, op. cit., p.152. 17 McNamara, In Retrospect, p. 224. 18 Dallek, op. cit., p. 344. 19 Herring, LBJ and Vietnam, p. 100. 20 McNamara, In Retrospect, pp. 225-226.
Anteprima della tesi: La guerra del Vietnam nel 1966: tra escalation e tentativi di pace, Pagina 4

Preview dalla tesi:

La guerra del Vietnam nel 1966: tra escalation e tentativi di pace

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giacomo Loi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Liliana Saiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi